Migranti, Milano, come la lombarda "nonna Angelica" li truffava - QdS

Migranti, Milano, come la lombarda “nonna Angelica” li truffava

redazione web

Migranti, Milano, come la lombarda “nonna Angelica” li truffava

lunedì 20 Luglio 2020 - 00:05

La donna, 72 anni, è stata denunciata. Si spacciava per funzionaria della Prefettura e ingannava gli immigrati facendosi consegnare soldi per accelerare pratiche e il rilascio di documenti. In borsa tre cellulari intestati a prestanome. La denuncia partita da un senegalese

Si spacciava per funzionaria della Prefettura di Milano e truffava cittadini extracomunitari, facendosi consegnare soldi e promettendo in cambio di accelerare pratiche e il rilascio di documenti.

La Polizia locale meneghina l’ha individuata e, una volta fermata, le ha trovato addosso tre telefoni cellulari intestati a prestanome e la documentazione contabile dei numerosi pagamenti ricevuti dalle sue vittime, tutte straniere, raggirate in vari modi.

La donna, una cittadina italiana di 72 anni, lombarda, truffatrice con numerosi precedenti per falsi documentali, furto di identità e truffa, si faceva affidare pratiche burocratiche e soldi.

L’indagine è partita dai documenti presentati agli uffici del Comune di Milano da un cittadino senegalese di 36 anni, che lavora regolarmente in un’officina meccanica, per acquisire la cittadinanza italiana.

L’autorizzazione prefettizia presentata dall’uomo era però palesemente contraffatta.

La vittima del raggiro ha dunque indirizzato gli investigatori su un donna “bassa, corpulenta e dai modi molto convincenti”, presentatagli da un connazionale come funzionaria della Prefettura.

Il senegalese ha spiegato di essere stato convinto dalla donna a versarle duemila euro per accelerare la pratica per la cittadinanza.

Gli agenti hanno quindi individuato la donna, che si faceva chiamare “nonna Angelica”, e l’hanno trovata in strada, mentre tentava di raggirare un’altra vittima.

La donna è stata denunciata a piede libero per truffa.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684