Migranti, nuovi soccorsi, navi in cerca di un porto sicuro - QdS

Migranti, nuovi soccorsi, navi in cerca di un porto sicuro

redazione web

Migranti, nuovi soccorsi, navi in cerca di un porto sicuro

martedì 28 Gennaio 2020 - 09:32
Migranti, nuovi soccorsi, navi in cerca di un porto sicuro

La fuga dalla Libia, nuovi salvataggi e prime assegnazioni: Ocean Viking a Taranto, Alan Kurdi a Malta. Salvini ricomincia lo show, "Denuncio il Governo". E Fratoianni, "Ammette il reato". Travaglio, "Il capo della Lega in stato confusionale"

Secondo soccorso in meno di dodici ore per Open Arms: dopo le cinquantasei persone salvate nella serata di ieri, gli uomini e le donne a bordo della nave della Ong spagnola hanno completato all’alba il salvataggio di altre centodue persone che erano a bordo di un gommone in difficoltà davanti alle coste libiche.

“A bordo di Open Arms ora ci sono 158 naufraghi salvati da una probabile morte – ha scritto su Twitter la ong – siamo l’unica nave umanitaria nell’area e quasi cinquecento persone si aspettano un porto sicuro”.

Il riferimento è ai migranti soccorsi nei giorni scorsi e ora a bordo delle altre due navi umanitarie, la Ocean Viking e la Alan Kurdi: la prima, con oltre quattrocento persone a bordo, si trova poche miglia a sud della Calabria mentre la seconda è al largo di Siracusa.

Open Arms salva altre 79 persone, a bordo in 237

C’è poi la Open Arms, che ha salvato 79 persone al largo della Libia: si tratta del terzo intervento di soccorso dalla serata di ieri e ora a bordo della nave della ong catalana ci sono 237 migranti.

“Open Arms ha risposto ad una chiamata di soccorso per un’imbarcazione alla deriva ad una trentina di miglia dalla nostra posizione. Quattro ore più tardi abbiamo salvato 79 persone” ha scritto il fondatore della Ong Oscar Camps su Twitter sottolineando che tra le 237 a bordo alcune necessitano di cure sanitarie.

A Taranto i migranti di Ocean Viking

I 403 migranti a bordo della Ocean Viking sbarcheranno a Taranto.

Lo ha scritto nella tarda mattinata di oggi Medici Senza Frontiere su Twitter sottolineando che l’annuncio dell’assegnazione del porto sicuro è già stato dato alle persone a bordo.

“Costretti a rischiare la vita – scrive Msf – i 216 uomini, 38 donne e 149 bambini raggiungeranno presto la sicurezza”.

Alan Kurdi a Malta, Palermo si era offerta

“Il centro di coordinamento e salvataggio maltese ha informato la Alan Kurdi che le 77 persone a bordo posso essere sbarcate a Malta” ha scritto in una nota la ong Sea Eye, aggiungendo che “l’Europa deve accordarsi su un meccanismo che non costringa ogni nave diversa a negoziare singolarmente”

Palermo aveva offerto la propria disponibilità ad accogliere la Alan Kurdi, la nave della Ong Sea Eye con a bordo 77 migranti che da giorni attende che le sia assegnato un porto di sbarco.

“La nave – aveva scritto il sindaco Leoluca Orlando su Twitter, quando ancora il porto sicuro non era stato assegnato – attende un approdo e dichiaro la mia volontà di accogliere la nave nel porto di Palermo, città sempre aperta”.

Salvini ricomincia lo show

E ieri sera, commentando la situazione in una trasmissione televisiva, il capo della Lega Nord ha ricominciato lo show sui migranti attaccando il Governo: “Adesso li denuncio anche io per sequestro di persona. Se li blocco io sono un criminale, se lo fanno loro…”.

Fratoianni, Salvini ammette il reato per la Gregoretti

“Ma se Salvini vuole denunciare Conte e Lamorgese per il ritardo nell’assegnazione di un porto sicuro per la Ocean Viking (peraltro confondendo una nave militare con una nave Ong), non è che ammette lui stesso che quello che ha fatto con nave Gregoretti era un reato? Lo vedo un po’ confuso, non si è ancora ripreso dopo l’Emilia Romagna…”.

Lo ha scritto su twitter Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu

Travaglio, Salvini in stato confusionale

“E’ evidente che è un uomo in stato confusionale” ha detto parlando di Salvini Marco Travaglio in un’altra trasmissione tv.

“Non da ieri – ha aggiunto – Salvini sbaglia le mosse: da agosto sta inanellando una serie di scemenze, da allora direi che non ne ha più azzeccata una.

“L’elettorato di destra – ha concluso Travaglio – è di stomaco forte, di bocca buona e di memoria corta e finora ha faticato a rendersene conto, ma ora…”.

Salvini, giornalisti esteri meglio degli italiani

La replica di Matteo Salvini, in diretta Facebook, è stata velenosa contro l’intera stampa italiana.

”Ringrazio i giornalisti stranieri – ha detto – che sulla Lega e il voto in Emilia sono stati molto più obiettivi e precisi di quelli italiani….”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684