Migranti, Palermo e l'alleanza dei Comuni Ue "volenterosi" - QdS

Migranti, Palermo e l’alleanza dei Comuni Ue “volenterosi”

redazione web

Migranti, Palermo e l’alleanza dei Comuni Ue “volenterosi”

lunedì 13 Gennaio 2020 - 12:11
Migranti, Palermo e l’alleanza dei Comuni Ue “volenterosi”

Il sindaco Orlando, a Berlino con colleghi di Potsdam e Duessledorf, annuncia che in Germania sono passati da sessanta a centoventi i centri disposti a ospitare rifugiati. "Il governo italiano cambi le leggi di Matteo Salvini"

“Dobbiamo mandare un messaggio chiaro: l’unico modo di mantenere la sicurezza è rispettare i diritti umani” ed è per questo che “Palermo è diventata la città più sicura d’Italia”: lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, in occasione di un incontro pubblico a Berlino con i rappresentanti dei Comuni tedeschi di Potsdam e Duesseldorf.

Si tratta di due dei tanti centri che, in Germania, hanno manifestato la loro disponibilità ad accogliere migranti salvati in mare e con i quali l’Amministrazione palermitana ha stretto una sorta di alleanza.

In sette mesi, i Comuni disposti ad accogliere i migranti, in Germania, sono raddoppiati, passando da una sessantina a circa centoventi.

“Vogliamo essere – ha detto Orlando – ‘united for rescue’ e vogliamo essere sempre di più, perché quel che è importante è l’alleanza tra i Comuni”, che, proprio come Palermo, hanno dichiarato la propria apertura e disponibilità all’accoglienza.

Per Orlando, l’Europa deve avere una politica comune in materia di accoglienza dei migranti. E quella dei Comuni “volenterosi”, come sono stati definiti, è un movimento di base che potrebbe portare ad accelerare certi processi.

“Al momento – ha confermato la deputata verde al Bundestag Luise Amtsberg – si sta lavorando per un coordinamento europeo di questi Comuni”.

Nel corso dell’incontro Orlando ha attaccato l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il leader della Lega Nord per oltre un anno quando reggeva il Viminale ha propalato la bufala dei porti chiusi in un Paese con 3.600 chilometri di coste e ha utilizzato la propaganda contro i migranti per far approvare dal parlamento i cosiddetti “Decreti sicurezza”.

“Spero che il governo cambi la legge di Salvini” ha dichiarato Orlando, spiegando: “scafisti e criminali sfruttano le leggi correnti contro i migranti e i migranti ne sono vittime”.

“Deve essere chiaro il concetto – ha sottolineato – che i migranti sono essere umani come gli altri”.

“Anzi – ha aggiunto il sindaco di Palermo – i ‘migranti’ non esistono, non sono una sub specie di esseri umani. Sono semplicemente persone, che non hanno lavoro, che hanno problemi nei Paesi da cui provengono”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684