Migranti: Sea Watch, "Tornare in Libia? Meglio morire" - QdS

Migranti: Sea Watch, “Tornare in Libia? Meglio morire”

redazione

Migranti: Sea Watch, “Tornare in Libia? Meglio morire”

lunedì 17 Giugno 2019 - 13:11
Migranti: Sea Watch, “Tornare in Libia? Meglio morire”

Uno dei naufraghi salvati dalla ong si rivolge al ministro dell'Interno tedesco de Maizière affermando, "Non è umano lasciarci in mare, anche noi abbiamo diritto alla libertà". GUARDA IL VIDEO

“Piuttosto che tornare in Libia, preferirei morire. Preferirei dare la mia vita ai pesci piuttosto che essere nuovamente torturato”.

Questa la testimonianza di Hermann, uno degli stranieri salvati a bordo di Sea Watch, che si trova nelle acque a sud di Lampedusa a sei giorno dal soccorso senza avere l’autorizzazione a sbarcare.

In un video postato su twitter dalla ong tedesca l’uomo dice, in francese, “Vorrei chiedere a tutti una cosa semplice: chi non vorrebbe essere libero nella sua vita? Chi vorrebbe soffrire per tutta la sua vita?. Se oggi ci troviamo in questa situazione non è perche’ noi vogliamo esserci, ma perchè ci siamo ritrovati”.

Hermann decide poi di inviare un messaggio al ministro dell’Interno tedesco al ministro dell’Interno tedesco Karl Ernst Thomas de Maizière: “per favore, pensi alle vite che stiamo conducendo, nNon è umano lasciare le persone morire in mare e coloro che ci aiutano, coloro che ci salvano, non sono criminali: salvano le nostre vite”.

“Ci pensi – conclude -, siamo tutti figli dello steso Dio, dovremmo vivere insieme come amici, come fratelli. Dovremmo vivere le nostre vite come voi. Anche noi abbiamo diritto alla libertà come tutti gli altri”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684