Migranti, sgominata banda di passeur con base a Malta - QdS

Migranti, sgominata banda di passeur con base a Malta

redazione web

Migranti, sgominata banda di passeur con base a Malta

venerdì 15 Ottobre 2021 - 06:46

Tre guineani arrestati dalla Guardia Finanza Treviso: portavano irregolari in Italia con passaporti falsi attraverso aerei diretti in vari scali e con i traghetti per Catania. Si pagavano 700 euro

La Guardia di Finanza di Treviso ha eseguito un provvedimento restrittivo nei confronti di tre passeur di nazionalità guineiana, per aver introdotto in Italia, con volti di linea da Malta, 45 immigrati irregolari.

Gli indagati sono domiciliati tra le province di Roma e Napoli ma che erano solite soggiornare, anche per lunghi periodi, a Malta.

I tre, accusati di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina, hanno favorito, tra il 2019 e il 2021, l’ingresso irregolare in Italia di almeno 45 clandestini di origini subsahariane, ricorrendo a voli di linea di diversi vettori aerei.

Le indagini sono iniziate nel dicembre 2019, quando, all’aeroporto “Canova” di Treviso, furono fermati due clandestini africani, provenienti da Malta, che avevano entrambi lo stesso passaporto contraffatto.

Grazie all’incrocio delle informazioni con intercettazioni telefoniche, l’analisi delle liste passeggeri e delle prenotazioni di volo delle varie compagnie aeree, la consultazione delle banche dati del Ministero dell’Interno e l’esame dei conti correnti bancari degli indagati, i militari della Finanza hanno ricostruito il meccanismo con cui i tre guineani introducevano clandestinamente in Italia decine di immigrati africani, usando sempre Malta come scalo.

Gli irregolari, prima di essere trasferiti in Italia, venivano condotti nell’isola, dove potevano disporre di un alloggio temporaneo, fornito dagli indagati.

Successivamente, sfruttando documenti di identità contraffatti o intestati ad altre persone compiacenti, i tre guineani facevano imbarcare gli immigrati su voli aerei, con destinazione gli aeroporti di Treviso, Roma Ciampino, Roma Fiumicino, Bari, Torino, Orio al Serio, Napoli, Perugia, oltre che a bordo di traghetti diretti a Catania.

La tariffa fissata per ciascun ingresso irregolare variava tra i 450 e i 700 euro a clandestino.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684