Ritrovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso da Milano, le indagini - QdS

Ritrovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso da Milano, le indagini

Ivana Zimbone

Ritrovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso da Milano, le indagini

venerdì 24 Settembre 2021 - 12:13

Allontanamento volontario, suicidio o omicidio? Gli accertamenti medico legali chiariranno le cause della morte di Giacomo Sartori. Ecco la ricostruzione delle sue ultime ore.

E’ stato ritrovato morto Giacomo Sartori, di 29 anni, comparso da Milano 7 giorni fa. La sua auto è stata trovata mercoledì nel Pavese.

La sua Polo grigia è stata ripresa da una telecamera di Motta Visconti, vicino al cimitero, alle ore 7.15 di sabato 18 settembre. In quel momento i tabulati del suo telefono cellulare lo indicano acceso e in pieno “traffico dati”, ma non impegnato in una conversazione telefonica. E poi nessuna traccia. Forse un tentativo di chiamata al fratello – che non ha risposto – su WhatsApp.

L’auto è stata ritrovata mercoledì mattina a Casorate Primo, un luogo che non aveva mai frequentato. Il suo corpo senza vita, è stato trovato lì vicino, all’interno di una cascina.

Sono in corso accertamenti del medico legale per determinare le cause della morte e, secondo quanto appreso da fonti investigative, non si può escludere alcuna pista, neppure quella del suicidio.

Il ritrovamento dell’auto e il percorso in autostrada


Quando l’auto è stata ritrovata era chiusa e con all’interno una ricevuta per mancato pagamento dell’autostrada A7 che avrebbe percorso in piena notte. Sappiamo che al ragazzo, originario di Mel (Belluno), è stato rubato uno zaino la sera precedente in un’enoteca di Porta Venezia. Perché è a Milano che Giacomo ormai viveva e lavorava come tecnico informatico, condividendo una casa con altri inquilini a Porta Genova. Dopo il furto subito, come raccontato dai presenti, si sarebbe allontanato “particolarmente turbato”.

Il furto e il mistero del traffico dei dati

Nel suo zaino c’erano due pc, uno personale e un altro aziendale. E c’erano i documenti, il portafogli con i soldi, il cellulare aziendale.
Una laurea in management aziendale, una vita tranquilla, il lavoro ad Assago e gli amici. Nulla avrebbe fatto presagire la sua scomparsa.

L’ipotesi maggiormente accreditata è che il ragazzo abbia seguito il tracciato del telefonino aziendale rimasto nello zaino con il proprio – tant’è che il suo cellulare, in quelle ore, ha prodotto traffico dati – andando alla caccia dei malfattori. O che si sia recato in un luogo indisturbato per rimanere da solo. La sua auto è stata ripresa a Casorate e a Motta Visconti dalle telecamere di videosorveglianza; si tratta di zone malfamate note per l’alta presenza di microcriminalità.


Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684