Morte Mario Biondo, familiari contro archiviazione, "Gip guardi prove omicidio" - QdS

Morte Mario Biondo, familiari contro archiviazione, “Gip guardi prove omicidio”

web-iz

Morte Mario Biondo, familiari contro archiviazione, “Gip guardi prove omicidio”

web-iz |
lunedì 25 Ottobre 2021 - 14:02

I familiari continuano a sostenere l'ipotesi dell'omicidio e chiedono al gip di valutare le prove da loro fornite. Sono certi che Mario sia stato ucciso e che la moglie non racconti tutta la verità.

Faranno opposizione alla seconda richiesta di archiviazione presentata dalla Procura generale, che ha avocato il caso, i familiari di Mario Biondo, il cameraman siciliano morto a Madrid nel 2013. La decisione segue la nuova istanza dell’accusa che, sulla base degli accertamenti medico legali, ha concluso che il giovane si è suicidato.

La tesi della famiglia: “Gip guardi le prove da noi ottenute”

Diversa la tesi della famiglia, convinta che si tratti di un omicidio volontario. I consulenti dei Biondo, che hanno svolto diversi accertamenti informatici che metterebbero in dubbio la tesi del suicidio dicono: “vogliamo che il GIP possa rendersi conto, leggendo personalmente i documenti, di quanta differenza c’è tra le conclusioni della Procura Generale e le prove da noi ottenute, come i tabulati telefonici, internet e tutte le informazioni ricevute dagli stessi social network e compagnie dei servizi email. Prove che non sono mai state chieste in passato e che ora meritano, in rispetto della verità, di essere visionate e prese in considerazione”.

Tra le prove menzionate dai consulenti della società Emme Team, anche la relazione dei RIS di Messina, che avrebbe presentato elementi scientifici per affermare che i reperti utilizzati per le analisi istologiche non erano quelli di Mario Biondo. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001