Musumeci: "Di Maio e Salvini smettano di fingere di litigare" - QdS

Musumeci: “Di Maio e Salvini smettano di fingere di litigare”

redazione

Musumeci: “Di Maio e Salvini smettano di fingere di litigare”

mercoledì 15 Maggio 2019 - 14:00
Musumeci: “Di Maio e Salvini smettano di fingere di litigare”

E critica il "contratto" affermando "è una follia: la politica così va a farsi benedire" e che "questo governo offre di sé un'immagine che allontana la gente dalla politica intesa come valore"

“Sono convinto che questo governo se vuole governare debba smetterla di fare finta di litigare perchè ognuno possa accreditarsi lo spazio dell’altro”.

Lo ha detto ai cronisti il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, parlando con i cronisti a margine della festa dell’Autonomia regionale, a Palermo.

“Non sono l’uomo adatto – ha aggiunto Musumeci – a dare pagelle, né a Salvini, nè a Di Maio, né ad altri. Le campagne elettorali registrano alti e bassi, la contingenza del momento. Serve però un governo serio che lavori e che parli con un unico linguaggio, ma non un contratto”.

“Il contratto di governo – ha sottolineato – è una follia: la politica così va a farsi benedire”.

“Le coalizioni di governo – ha spiegato – si fondano su un’affinità culturale, su un comune sentire, su un comune linguaggio e una comune strategia. Il contratto mi sembra troppo aziendale”.

“Peraltro – ha detto ancora Musumeci – è sotto gli occhi di tutti come questo governo ogni giorno offra di sé un’immagine che allontana la gente dalla politica intesa come valore, responsabilità, comunione di intenti”.

“Invece – ha concluso il Presidente della Regione – dobbiamo tornare alla politica, cioè ai valori affini, al retroterra culturale. Questo significa arte del governo, non si può governare una grande nazione come l’Italia sulla scorta di un contratto. Ecco perchè la gente si allontana dalla politica”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684