Natiflife, indipendenza e monitoraggio per anziani e disabili - QdS

Natiflife, indipendenza e monitoraggio per anziani e disabili

redazione

Natiflife, indipendenza e monitoraggio per anziani e disabili

venerdì 22 Maggio 2020 - 12:41
Natiflife, indipendenza e monitoraggio per anziani e disabili

A Catania la sperimentazione delle nuove “tecnologie assistive”

Consentire agli anziani e alle persone con disabilità, non a caso le più fragili di fronte a emergenze sanitarie come quelle legate al Coronavirus, di vivere una vita più indipendente e dignitosa, è l’obiettivo di NATIFLife, progetto europeo in fase di test finale che offre agli utenti una rete di “tecnologie assistive”. Un progetto all’avanguardia sul piano internazionale, concepito grazie alla cooperazione tra istituzioni italiane e maltesi, finalizzato ad affrontare la sfida dell’invecchiamento attivo grazie alla proficua collaborazione tra imprese, centri di ricerca ed istituzioni.

Per fare un esempio concreto in tempi di Covid-19, un familiare o un infermiere potranno, attraverso una semplice applicazione, verificare temperatura corporea, battito, pressione o informazioni di parametri vitali inviati come notifica grazie a rilevatori domotici, telecamere termiche e sensori ambientali appostati negli ambienti adibiti, in grado così di verificare anche eventuali fughe di gas, eccessivi sbalzi di temperatura, qualità dell’aria, luminosità, ecc.

Le “tecnologie assistive” (TA) sono implementate nelle due sedi sperimentali, una ad Adrano, per la Sicilia, e una sul territorio maltese, coinvolgendo utenti, tecnici e operatori sanitari. Le TA sono di fatto costituite da dispositivi, strumenti e software con l’obiettivo di evitare i ricoveri non necessari e permettere agli anziani e alle persone con disabilità di non doversi staccare dai propri legami famigliari.

Lo sviluppo delle “soluzioni assistive” di NATIFLife ha tra i principali attori VITECO, che fa parte del cluster di aziende catanesi JO Group, il DIEEI dell’Università di Catania, l’Università di Malta, il Comune di Catania e le aziende Salupo, C.T.A. Helios e Paragon Europe. Grazie a NATIFLife si potrà contribuire a ottimizzare i costi della sanità e a generare nuove opportunità di lavoro. I soggetti interessati alla AAL (active assisted living), inoltre, potranno approfondire l’R&D su queste implementazioni attraverso una piattaforma integrata sulle “tecnologie assistive” in cloud.

“Se in ogni famiglia pensiamo ai nostri cari più anziani o con disabilità, possiamo avere un’idea di come NATIFfLife sia un’innovazione interessante e all’avanguardia – commenta Giuseppe Ursino, CEO di VITECO. – Le ‘soluzioni assistive’ non solo costituiscono una possibilità di ottimizzazione dei costi, ma soprattutto un’innovazione che consente una vita più serena e indipendente a tante persone che potranno così continuare a vivere a casa loro. Mi piace pensare che NatifLife sia un passo nella giusta direzione per contrastare quella ‘cultura dello scarto’, di cui parla Papa Francesco, che tende a mettere ai margini chi invece ha più bisogno di cure”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684