No-vax pericolosi e la chat Telegram de “I guerrieri”, otto indagati - QdS

No-vax pericolosi e la chat Telegram de “I guerrieri”, otto indagati

web-mp

No-vax pericolosi e la chat Telegram de “I guerrieri”, otto indagati

web-mp |
giovedì 09 Settembre 2021 - 07:30

La frangia No Vax, che aveva intenzione di costruire rudimentali ordigni "fai da te" e di approvvigionarsi di coltelli, era composta da 5 donne e 3 uomini

La chat su Telegram si chiamava “I guerrieri”. I propositi erano quelli di far esplodere qualcosa nel corso delle manifestazioni contro il green pass a Roma in programma nel week end. O anche di usare armi.

Sono questi gli elementi di fatto che hanno portato gli investigatori della polizia e i pm di Milano alle perquisizioni di oggi nei confronti di otto soggetti della galassia “No Vax”.

L`indagine trae origine dalla costante attività di monitoraggio condotta dai due Uffici investigativi milanesi – su input della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione – Servizio per il Contrasto dell`Estremismo e del Terrorismo Interno e del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni – nei confronti dei numerosi gruppi di protesta attivi sul web contro le misure di contenimento adottate dal Governo per fronteggiare l`emergenza sanitaria da Covid-19.

Cosa scrivevano in chat i “Guerrieri No Vax”

Dall`analisi dei messaggi pubblicati sulla chat dei “Guerrieri” è emerso che gli indagati – uno dei quali titolare di porto d`arma e già noto alle forze dell`ordine per la sua vicinanza al separatismo veneto – oltre all`intenzione di partecipare in massa alla manifestazione di protesta in programma nella Capitale il prossimo sabato, incitano gli altri membri del gruppo a realizzare azioni violente nelle rispettive Province di residenza, contro non meglio precisati “obiettivi istituzionali” o approfittando della visita di esponenti dell`esecutivo, come quella – poi annullata – prevista a Padova lo scorso 2 settembre da parte dell`onorevole Speranza.

Inoltre, il prosieguo dell`attività investigativa ha consentito di riscontrare l`effettiva intenzione di alcuni membri del gruppo di realizzare una “riunione preparatoria” in vista dell`appuntamento romano e di approvvigionarsi di armi bianche da utilizzare in quell`occasione.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684