Numerose le modifiche al Collegato in attesa del passaggio in Assemblea - QdS

Numerose le modifiche al Collegato in attesa del passaggio in Assemblea

Raffaella Pessina

Numerose le modifiche al Collegato in attesa del passaggio in Assemblea

venerdì 10 Maggio 2019 - 00:00
Numerose le modifiche al Collegato in attesa del passaggio in Assemblea

Il documento conteneva gli articoli stralciati dalla Finanziaria: oggi è cambiato sensibilmente. Il documento è stato esitato, non senza difficoltà, dalla Commissione Bilancio

PALERMO – L’Assemblea regionale siciliana tornerà a riunirsi la prossima settimana per esaminare cinque Disegni di legge di varia natura. Ma non si può dimenticare che il Parlamento non ha ancora preso in considerazione il cosiddetto Collegato, già approvato dalla Commissione Bilancio e pronto per andare in Aula.

Si tratta di un documento che raccoglieva tutti articoli stralciati dalla Finanziaria, di fatto diventata un documento snello e abbastanza facile da approvare. Oggi però il Collegato è cambiato sensibilmente: è saltato il contributo di 360 mila euro alla Fondazione Whitaker per finanziare le iniziative degli assessorati, così come l’operazione attraverso cui la Regione avrebbe dovuto acquisire gli immobili prima conferiti al Fiprs, il Fondo immobiliare pubblico della Regione Siciliana.

Un’approvazione difficoltosa, quella in Commissione Bilancio, anche perché i deputati del Movimento 5 stelle si sono rifiutati di partecipare alle sedute fino a quando il presidente Riccardo Savona non si dimetterà dalla sua carica.

Nel Collegato, inoltre, non c’è più la creazione del mega centro degli uffici regionali a Palermo in via Ugo La Malfa. Modificata, inoltre, l’idea di affidare a un broker la mappatura e valutazione del patrimonio immobiliare delle aziende sanitarie. Il documento continua però a stanziare un milione per l’attività, ma prima di ricorrere a un privato l’assessorato della Salute dovrà realizzare una ricognizione in convenzione con gli uffici dell’Agenzia delle Entrate o con i suoi stessi uffici.

Restano, infine, le norme per il riconoscimento della condizione d’insularità, quelle sul garante dei diritti dei detenuti e le norme sulle convenzioni dell’assessorato regionale all’Energia e ai servizi di pubblica utilità.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684