Omicidio Siragusa, il gip, "Pietro Morreale rimane in carcere" - QdS

Omicidio Siragusa, il gip, “Pietro Morreale rimane in carcere”

web-iz

Omicidio Siragusa, il gip, “Pietro Morreale rimane in carcere”

web-iz |
giovedì 28 Gennaio 2021 - 14:14
Omicidio Siragusa, il gip, “Pietro Morreale rimane in carcere”

Pietro Morreale è rimasto in silenzio davanti alle domande del gip. Ed è scoppiato in lacrime. Adesso il giudice ha deciso che rimarrà in cella

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Pietro Morreale, il ragazzo di 19 anni indagato per omicidio volontario e occultamento di cadavere dopo la morte della fidanzata, Roberta Siragusa, di 17 anni. Il gip non ha convalidato il fermo perché non sussisterebbe il pericolo di fuga. Ma resta in cella, perché il giudice ha accolto l’istanza del Pm e ha imposto la misura della custodia cautelare in carcere.

Morreale è accusato di aver ucciso la fidanzata, ma non ha confessato. Il corpo della giovane è stato trovato domenica scorsa, parzialmente bruciato, in fondo a un dirupo alla periferia di Caccamo, nel palermitano. Il ragazzo, accompagnato dal suo difensore, Giuseppe Di Cesare, oggi ha fatto scena muta ed è scoppiato in lacrime davanti al gip del Tribunale di Termini Imerese.

La procura aveva chiesto – oltre alla convalida del fermo – l’applicazione della custodia cautelare in carcere. Il giudice ha rigettato la richiesta di convalida del fermo per l’insussistenza del pericolo di fuga, ma ha disposto comunque che il 19enne resti in cella.

Si è sempre detto innocente, ma la sua versione dei fatti presenta gravi incongruenze. Gli inquirenti stanno lavorando per capire se il presunto killer abbia agito da solo o con l’aiuto di complici. Pare infatti che la ragazza sia stata uccisa prima di essere stata data alle fiamme e che il cadavere presentasse dei segni di violenza sul volto non riconducibili alla caduta.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684