Palermo, droga e assalti a negozi e distributori, otto arresti - QdS

Palermo, droga e assalti a negozi e distributori, otto arresti

redazione web

Palermo, droga e assalti a negozi e distributori, otto arresti

mercoledì 15 Dicembre 2021 - 07:14

Sgominati dai Carabinieri, in esecuzione di un'ordinanza del Gip su richiesta della Procura, due gruppi criminali che agivano sia in città che in provincia. Disposti anche tre obblighi di dimora

Sono undici le persone colpite dal provvedimento del Giudice per le indagini preliminari di Palermo accusate di furto aggravato, riciclaggio e spaccio di sostanze stupefacenti e che avrebbero fatto parte di due gruppi criminali autori di assalti a esercizi commerciali e distributori di benzina sia in città che in provincia.

Otto arresti e tre obblighi di dimora

L’ordinanza prevedeva otto arresti – sei ordini di custodia cautelare in carcere, due ai domiciliari – e tre obblighi di dimora, che sono stati eseguiti tutti dai Carabinieri del comando provinciale di Palermo.

Secondo quanto emerso dalle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Palermo e svolte dai militari della Compagnia di Palermo San Lorenzo tra il marzo e l’agosto del 2019, i due gruppi avrebbero terrorizzato la popolazione con gli assalti a negozi e pompe di benzina.

Furti a supermercati e benzinai

Nel corso delle indagini sono stati documentati furti a due supermercati di Palermo (la banda sarebbe riuscita a portare via le casseforti con un bottino di settantamila euro) oltre a due tentativi di furto presso un impianto sportivo e a un distributore di carburanti.

I cinque arresti precedenti

Cinque persone erano già state arrestate in flagranza di reato per un tentativo di furto ai danni di un supermercato di via Messina Marine, nella periferia di Palermo.

Spaccio anche nelle carceri

Alcuni degli indagati, dopo gli arresti, per rimpinguare le casse dell’organizzazione avrebbero spacciato cocaina, hashish e marijuana nel quartiere Sperone.

A quanto si è appreso avrebbero inoltre cercato di portare alcune dosi nel carcere di Trapani a un detenuto.

Quest’ultimo avrebbe chiesto l’hashish con un microtelefono, poi individuato e sequestrato insieme alla droga dagli agenti della polizia penitenziaria.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684