Palermo, morta a 91 anni Simona Mafai, icona della Sinistra - QdS

Palermo, morta a 91 anni Simona Mafai, icona della Sinistra

redazione

Palermo, morta a 91 anni Simona Mafai, icona della Sinistra

domenica 16 Giugno 2019 - 12:31
Palermo, morta a 91 anni Simona Mafai, icona della Sinistra

Figura storica del Pci in Sicilia, moglie di Pancrazio De Pasquale, fu senatrice e capogruppo consiliare a Palermo e protagonista delle lotte su divorzio, aborto e mafia. Colpita da un ictus mentre lavorava al computer

Scompare una figura storica della sinistra siciliana.

E’ morta Simona Mafai, per molto tempo dirigente del Pci, senatrice, capogruppo al consiglio comunale, ma anche intellettuale impegnata e protagonista di battaglie civili nel movimento femminile.

Aveva 91 anni e nei giorni scorsi era stata colpita da un ictus mentre lavorava al pc.

Nata a Roma, figlia dei pittori Mario Mafai e Antonietta Raphaël, sorella della giornalista e scrittrice Miriam e di Giulia, con le sorelle era stata espulsa dalla scuola pubblica dopo le leggi razziali del 1938.

Ricopiò i Quaderni dal carcere di Antonio Gramsci prima di assumere incarichi nel partito.

Quindi l’incontro con Pancrazio De Pasquale, che sposò nel 1952 e dal quale ebbe due figlie, e il trasferimento prima a Messina e poi a Palermo.

In Sicilia era stata protagonista delle lotte per il divorzio e l’aborto.

Nel 1976 era stata eletta al Senato, dove rimase fino al 1979.

L’anno dopo era passata al Consiglio comunale di Palermo e, come capogruppo del Pci, aveva lanciato una campagna sui grandi appalti del Comune culminata con il rinvio a giudizio e la condanna di Vito Ciancimino.

Chiusa l’esperienza nel Consiglio comunale e lasciato il Pci, l’impegno di Simona Mafai era continuato come componente del direttivo dell’Associazione donne siciliane per la lotta contro la mafia, come fondatrice e collaboratrice della rivista Mezzocielo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684