Palermo, sequestrate in aeroporto a cinesi e italiani valigie con doppio fondo pieno di denaro - QdS

Palermo, sequestrate in aeroporto a cinesi e italiani valigie con doppio fondo pieno di denaro

redazione

Palermo, sequestrate in aeroporto a cinesi e italiani valigie con doppio fondo pieno di denaro

sabato 14 Settembre 2019 - 11:43

La Guardia di finanza e l’ufficio delle Dogane hanno sequestrato nell’aeroporto di Punta Raisi 25 mila euro in contanti ad alcuni imprenditori cinesi in partenza dallo scalo Falcone e Borsellino.

Grazie al cane Goro, i militari hanno trovato i soldi nel doppio fondo delle valigie.

Le indagini erano iniziate dall’analisi dei redditi degli imprenditori, che a a fronte di debiti erariali per ben settecento milioni di euro, non versavano nemmeno un euro nelle casse dello Stato.

Gli imprenditori hanno dichiarato che i soldi erano destinati all’affitto di abitazioni per i soggiorni nel periodo estivo.

Nei confronti dei proprietari degli immobili, tutti italiani, sono in corso accertamenti per verificare la eventuale corresponsione di canoni di locazione in nero.

Un primo sequestro è avvenuto nei confronti i due coniugi cinesi, in procinto di partire da Palermo con oltre undicimila euro.

La valuta era stata volutamente divisa tra i coniugi per eludere i controlli e non essere obbligati a presentare la prevista dichiarazione per i movimenti di denaro contante superiori a diecimila euro.

Il secondo sequestro riguarda un italiano proveniente dal Belgio, che aveva con sé denaro contante per oltre tredicimila euro senza averlo dichiarato alle autorità competenti.

Complessivamente a Punta Raisi sono stati controllati circa 700 passeggeri in transito, denunciate 26 persone con l’accusa di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e autoriciclaggio e sequestrati circa 160 mila euro.

Sono stati segnalati soggetti che avevano al seguito assegni per oltre 230 mila euro emessi in modo irregolare (privi della data di emissione o del beneficiario) in violazione della normativa vigente sull’imposta di bollo e antiriciclaggio.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684