Pantelleria, Punto nascita chiuso, sciopero della fame di Sindaco, vice e presidente del Consiglio comunale - QdS

Pantelleria, Punto nascita chiuso, sciopero della fame di Sindaco, vice e presidente del Consiglio comunale

redazione web

Pantelleria, Punto nascita chiuso, sciopero della fame di Sindaco, vice e presidente del Consiglio comunale

sabato 04 Aprile 2020 - 16:15


“Pantelleria sta combattendo due battaglie: una contro il Coronavirus e un’altra per assicurare la possibilità di partorire senza rischio contagio alle pantesche, private del punto nascita isolano”.

Lo dicono in una nota il sindaco Vincenzo Campo, il vicesindaco Maurizio Caldo e il presidente del Consiglio comunale Erik Vallini, che hanno iniziato uno “sciopero della fame a oltranza”.

“L’isola – spiegano – è rimasta finora a contagi zero, ma si trova nella disperata situazione di dover far partorire le gestanti sulla terraferma, perché il punto nascita, in funzione fino alla fine dello scorso febbraio, in deroga, è stato chiuso. L’ultima gestante che ha partorito a Trapani questa settimana, da sola, senza alcuna assistenza dei familiari, ha testimoniato un travaglio ancora più sofferto e preoccupato, in un nosocomio adibito anche ai pazienti con Covid. Analoga sorte per i malati oncologici che devono fare le terapie in terraferma. A nulla sono valse lettere, proteste, petizioni popolari indirizzate all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza in questi mesi, gli gli appelli del Comitato delle mamme e del sindaco”.

“Abbiamo deciso di iniziare lo sciopero della fame – dice il sindaco – e lo continueremo fintanto che l’assessore non ci darà delle garanzie sull’apertura del punto nascita all’ospedale Nagar. Ci troviamo nella condizione paradossale di aver fatto sacrifici enormi per preservare l’isola dai contagi e siamo costretti ad inviare i nostri concittadini più fragili in territori con il virus. Un contagio sull’isola, con un ospedale praticamente vuoto e a 120 km dalla terra ferma, significherebbe una strage”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684