Pescherecci in Libia, "Governo informato solo il giorno dopo" - QdS

Pescherecci in Libia, “Governo informato solo il giorno dopo”

redazione

Pescherecci in Libia, “Governo informato solo il giorno dopo”

giovedì 12 Novembre 2020 - 00:00
Pescherecci in Libia, “Governo informato solo il giorno dopo”

Il deputato di Italia Viva e membro dell'ufficio di presidenza della Camera, Francesco Scoma ha presentato un'interrogazione urgente al premier Conte e ai ministro Di Maio e Guerini sul mancato intervento delle Forze armate

“Chi ha dato l’ordine di non intervenire militarmente e di passare alla via diplomatica per liberare gli equipaggi dei pescherecci in mano da più di due mesi delle milizie libiche del generale Haftar? E per quali motivi il Ministro della Difesa, il Ministro degli Esteri e la Presidenza del Consiglio sono venuti a conoscenza solo il giorno dopo del sequestro, con i pescatori già detenuti a Bengasi?”.

Lo chiede il deputato di Italia Viva e membro dell’ufficio di presidenza della Camera, Francesco Scoma con interrogazione urgente al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, al Ministro degli Esteri Luigi di Maio e al Ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

“Poco dopo le 23 – spiega – , sia il comandante Giacalone sia Marrone, l’armatore dei pescherecci sequestrati, sostengono di aver ricevuto conferma dalla Marina che l’elicottero della Marina fosse già in volo per raggiungere gli equipaggi e per far desistere i sequestratori con l’intervento delle forze speciali.

Cosa è successo tra le 23 e le 2.35 quando Marrone riceve l’ultima chiamata dalle autorità che confermano la via diplomatica per la risoluzione della crisi? Perché l’elicottero con gli incursori del Comsbubin o fucilieri del reggimento San Marco con l’obiettivo di fare desistere i pochi miliziani libici della motovedetta non è più intervenuto?”, conclude.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684