Porto Palo, i giudici ora indagano sull'incidente della barca - QdS

Porto Palo, i giudici ora indagano sull’incidente della barca

redazione web

Porto Palo, i giudici ora indagano sull’incidente della barca

lunedì 07 Settembre 2020 - 00:04
Porto Palo, i giudici ora indagano sull’incidente della barca

Momenti di terrore, sabato nel Siracusano, quando una piccola imbarcazione con a bordo dieci persone di ritorno da Capo Passero dopo aver assistito a uno spettacolo teatrale, si è rovesciata per cause sconosciute. Un ferito in ospedale

La Procura della Repubblica di Siracusa ha aperto ieri sera un’inchiesta su un incidente in mare verificatosi nel pomeriggio di sabato scorso nelle acque antistanti Portopalo di Capo Passero, nel Siracusano.

Un’imbarcazione che trasportava una decina di persone si è infatti rovesciata per cause ancora da precisare.

Una tragedia sfiorata per il gruppo di passeggeri, composto da adulti e da ragazzi che stavano tornando sulla terraferma dalla vicina Isola di Capo passero.

Alcuni di loro avevano assistito, sull’isoletta, a uno spettacolo teatrale.

Altri invece avevano raggiunto in mattinata, con lo stesso mezzo, lo scoglio di Capo Passero per trascorrervi una giornata serena facendo il bagno sulle sue spiagge.

Il servizio di trasporto dalla terraferma da e per l’Isola di Capo Passero viene svolto da una ditta privata.

Saranno adesso gli inquirenti ad accertare i motivi del ribaltamento dell’imbarcazione.

Di certo c’è che le condizioni meteo-marine non erano favorevoli e a causare l’incidente potrebbe essere stata un’onda anomala.

Non appena la barca si è ribaltata, dalla terraferma diverse persone si sono subito tuffate in acqua per soccorrere le persone finite in mare e in evidente difficoltà.

Le testimonianze finora rilasciate non sono precise.

Una donna sembra abbia perso i sensi e per uno dei naufraghi è stato necessario il trasferimento in elisoccorso in ospedale.

Sulla riva di Porto Palo sono arrivate anche le ambulanze, i Carabinieri e i militari della Guardia costiera.

“E’ davvero incredibile – – ha raccontato Paola, che era appena giunta sulla terraferma con un’altra imbarcazione – quello che è accaduto. Ritengo che la barca non avesse adeguati sistemi di sicurezza”.

“Inoltre – ha aggiunto la testimone – probabilmente non c’erano le condizioni per rientrare. E’ stata commessa una leggerezza che poteva costare qualche vita umana”.

“Se non fosse stato per alcuni di noi – ha concluso -, penso che piangeremmo delle vittime”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684