Povertà, Ugl Catania, "Plauso all'Ars per la legge approvata" - QdS

Povertà, Ugl Catania, “Plauso all’Ars per la legge approvata”

Web-al

Povertà, Ugl Catania, “Plauso all’Ars per la legge approvata”

Web-al |
giovedì 08 Luglio 2021 - 10:40

Il segretario territoriale Giovanni Musumeci ha commentato la legge 'Disposizioni per il coordinamento degli interventi contro la povertà e l'esclusione sociale'

“Esprimiamo un doveroso plauso all’Assemblea regionale siciliana che, nel pomeriggio di ieri, ha approvato la legge ‘Disposizioni per il coordinamento degli interventi contro la povertà e l’esclusione sociale’, che era stata promossa dalla Comunità di Sant’Egidio con il suo presidente, il catanese Emiliano Abramo. Riteniamo di assoluto pregio l’iniziativa portata a compimento in breve tempo, essendo il tema trattato strettamente attuale”. E’ il pensiero della Ugl di Catania, con il segretario territoriale Giovanni Musumeci.

Poi ha aggiunto: “Nel nostro piccolo abbiamo sostenuto il valore di questa proposta che ha trovato convergenza trasversale e che, finalmente, potrà attivare strumenti d’aiuto per chi ha davvero bisogno. Purtroppo, come ormai da tempo segnaliamo, ai poveri che già registravamo se ne sono aggiunti altri con questa pandemia e, tra non molto, prevediamo che il numero purtroppo aumenterà. I nuovi poveri sono i lavoratori che non riescono più a sostenere le spese per portare avanti la famiglia, con paghe da fame, oppure che hanno perso il lavoro a causa del Covid-19 o che lo perderanno con la conclusione del blocco dei licenziamenti”.

“La nostra grande preoccupazione è che questi cittadini, soprattutto nei quartieri popolosi della nostra città, scelgano altre strade sicuramente non legali per cercare di superare il disagio. Speriamo che questa norma, insieme agli strumenti di emergenza posti già dallo Stato (tranne il Reddito di cittadinanza che riteniamo costoso oltre che diseducativo), possa essere un forte deterrente ed un valido sostegno”.

“Nel contempo – conclude dalla Ugl il segretario Musumeci – auspichiamo che questa unità di intenti tra la politica tutta e la società civile, possa far prendere coscienza della necessità di individuare il percorso più rapido per potenziare l’organico dei servizi sociali degli enti locali, allo stato attuale ridotti all’osso nonostante l’apporto dato dai Distretti socio – sanitari, oltre che l’impellenza di cercare tutte le soluzioni possibili per il recupero delle migliaia di posti di lavoro andati persi fino ad oggi” conclude.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684