Pozzallo, insulti omofobi e botte, giovane ferito - QdS

Pozzallo, insulti omofobi e botte, giovane ferito

redazione

Pozzallo, insulti omofobi e botte, giovane ferito

lunedì 18 Novembre 2019 - 09:39
Pozzallo, insulti omofobi e botte, giovane ferito

Prima un minorenne lo ha aggredito verbalmente in un bar, poi, quando si è spostato in un altro locale, è stato raggiunto da un gruppo di persone che lo ha preso a calci e pugni fratturandogli il naso e facendolo svenire

Era andato al bar per prendere un caffè, quando un minorenne gli ha rivolto insulti omofobi.

Il giovane, 29 anni, si è difeso verbalmente, prima di lasciare il locale e recarsi in un altro bar per evitare che la discussione potesse degenerare.

Ma lì è stato seguito dal ragazzo, stavolta accompagnato da altre persone che l’hanno preso a calci e pugni fratturandogli in setto nasale e facendogli perdere i sensi.
E’ accaduto a Pozzallo, nel Ragusano, città multiculturale e frequentata da turisti – tra i monumenti la Torre Cabrera – e che ospita un centro d’accoglienza per migranti.

Una città che, come sottolineato dal sindaco Roberto Ammatuna, “è sempre stata estranea a fatti del genere”.

Il giovane è finito a terra ed stato aiutato dai clienti del locale a rialzarsi.
Poi si è diretto verso casa.

Poco dopo, accusando forti dolori, ha deciso di andare al pronto soccorso dell’ospedale di Modica, dove stamattina sarà sottoposto a un intervento chirurgico per la riduzione della frattura riscontratagli al setto nasale.

Sull’episodio indagano i carabinieri di Pozzallo che stanno ricostruendo la dinamica dei fatti avvalendosi della testimonianza di alcuni avventori del bar dove è avvenuta l’aggressione e delle immagini registrate dalle telecamere posizionate all’interno del locale.

Resta fuori discussione l’aggressione patita dal giovane, semmai i militari sono impegnati a verificare la versione dei fatti fornita dalla vittima e a individuare gli uomini del “commando” che ha pestato il giovane.

Il sindaco ha spiegato che “qualora si tratti di un’aggressione omofoba, sarebbe un fatto di inaudita gravità che condanno nella maniera più ferma”.

“Nella civilissima Pozzallo – aggiunge Ammatuna – fatti come questo non ne sono mai accaduti. Aspetterei di conoscere la ricostruzione degli avvenimenti da parte dei carabinieri, per avere un quadro più chiaro di quello che è successo”.

Intanto, il presidente dell’Arcigay di Ragusa, Marco Igor Garofalo, ha chiamato il giovane manifestandogli solidarietà e offrendogli l’assistenza legale dell’associazione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684