Regionali Sicilia, Claudio Fava si ricandida alla Presidenza - QdS

Regionali Sicilia, Claudio Fava si ricandida alla Presidenza

redazione web

Regionali Sicilia, Claudio Fava si ricandida alla Presidenza

domenica 19 Dicembre 2021 - 08:00

Nell'annuncio del presidente dell'Antimafia, con un videomessaggio su Facebook, l'invito a "dare una mano, a dare un'idea, una proposta, a condividere un dolore". Il nodo primarie del centrosinistra

“Non giro attorno alle parole, mi candido per vincere, per governare, perché questa terra per essere cambiata deve essere governata e bisogna assumersi la responsabilità del cambiamento”.

Claudio Fava, 64 anni, presidente della Commissione antimafia della Regione, ha annunciato con un breve videomessaggio sulla propria pagina Facebook che si candiderà il prossimo anno a governatore della Sicilia, dopo aver corso per la presidenza della Regione già nel novembre del 2017.

Il nodo delle primarie del centrosinistra

Fava, giornalista, scrittore e sceneggiatore, prima di essere eletto deputato all’Ars è stato parlamentare europeo e deputato nazionale nonché coordinatore sia del movimento Sinistra democratica in Italia, sia della segreteria nazionale di Sinistra Ecologia Libertà.

“Mi candido attraverso le primarie, se ci saranno – ha detto, sollevando un problema che il centrosinistra regionale dovrà affrontare -, per rappresentare le forze politiche democratiche e le esperienze di civismo importanti che abbiamo conosciuto in questi anni”.

Fava, “Non è una sfida personale, un capriccio”

Ritratto con alle spalle un manifesto con l’immagine di Palmiro Togliatti e alcuni disegni del padre, il giornalista Pippo Fava, ucciso dalla mafia a Catania nel 1984, ha tenuto a sottolineare di non candidarsi “perché è una sfida personale, perché è un capriccio, perché è un’ansia o una necessità, ma perché è una storia di tanti, costruita in questi anni e che vorremmo continuare a costruire”.

L’invito a dare una mano dando tempo, idee, proposte

“Per cui – ha aggiunto – abbiamo bisogno di tutti coloro che sono disposti a dare una mano: un’ora, un giorno del loro tempo, a dare un’idea, una proposta, a condividere un dolore. Noi siamo qui anche per questo. Perché alcune cose vanno fatte bene, ma vanno fatte adesso”.

La Sicilia e il logo èNostra

“E soprattutto – ha concluso – vanno fatte insieme. Così, tra un anno, potremo tornare a dire che la Sicilia è nostra”.

Un èNostra, che diventa un’unica parola, un coloratissimo logo.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684