Regione, le opposizioni, "All'Ars una Manovra senza fondamento" - QdS

Regione, le opposizioni, “All’Ars una Manovra senza fondamento”

redazione web

Regione, le opposizioni, “All’Ars una Manovra senza fondamento”

giovedì 24 Dicembre 2020 - 00:11
Regione, le opposizioni, “All’Ars una Manovra senza fondamento”

L'Assemblea ieri sera ha approvato le variazioni di bilancio, ma per il Pd Musumeci avrebbe dovuto "concentrarsi sull'esercizio provvisorio". Il M5s parla di "modo di legiferare folle", il ddl sulle variazioni di bilancio costruito "su una clausola basata su una proposta di norma ancora all'esame del Governo nazionale"

“Una Manovra senza fondamento che si basa in buona parte sul fondo destinato alla copertura per le minori entrate. Il governo Musumeci sta pericolosamente imboccando un tunnel senza via di uscita mortificando le regole della contabilità pubblica e mettendo a rischio la manovra finanziaria e il futuro economico della Regione”.

Frontale l’attacco di Giuseppe Lupo, capogruppo Pd nell’Assemblea regionale siciliana durante la discussione generale sul ddl di variazione di bilancio presentato dalla Giunta e approvato ieri sera.

Tolta all’Ars la possibilità di esame del testo

Sulla “manovrina” Lupo aveva avuto molto da dire: “Sono troppi i nodi da sciogliere a partire ovviamente dai fondi da utilizzare fino al discutibile iter che il governo Musumeci sta seguendo proponendo l’esame delle variazioni bilancio quando mancano pochi giorni alla scadenza del termine ultimo per il varo dell’esercizio provvisorio, togliendo al Parlamento siciliano, visti i tempi ristretti, qualunque possibilità di analisi del testo presentato”.

“Per non parlare – ha aggiunto Lupo – dell’annuncio della volontà di incardinare un nuovo disegno di legge che ha tutto l’aspetto di una vera e propria anticipazione della finanziaria e che rischia di trascinare l’Ars nel vortice dei ‘collegati’ che già lo scorso anno ha fatto ridere amaramente i siciliani”.

Lupo aveva dunque concluso chiedendo a Musumeci di “concentrare gli sforzi del su governo sul varo dell’esercizio provvisorio i cui termini scadranno fra pochi giorni e che appare indispensabile per onorare le spese della Regione”.

Il M5s, Manovra con coperture molto incerte

“Non c’è niente fare, le Manovre con coperture molto incerte stanno divenendo il marchio di fabbrica del Governo Musumeci”.

E’ pesante la denuncia politica con cui ieri a tarda sera il deputato del M5S Luigi Sunseri, componente della commissione Bilancio dell’Ars, ha attaccato frontalmente il Presidente della Regione e la sua Giunta.

La questione riguarda le somme che dovranno essere messe in campo per il ddl sulle Variazioni di bilancio, approvato a Sala d’Ercole con il voto contrario del M5S.

“Era accaduto – ha spiegato Sunseri – con la cosiddetta Finanziaria di guerra, incentrata sulla rimodulazione dei fondi europei, si sta riproponendo ora con il ddl sulle variazioni di bilancio, costruito con una clausola di salvaguardia che si basa non su una norma, ma su una proposta di norma attualmente all’esame del consiglio dei ministri. Mi pare un modo di legiferare veramente folle”.

“Se dovesse crollare il pilastro dell’ok di Roma – ha aggiunto Sunseri – con le somme dell’articolo 111 del dl 34 potremo coprire solo le spese obbligatorie che non possiamo coprire per mancate entrate dovute al Covid, non finanziare nuova spesa”.

Incredibili tagli al fondo contenziosi

Sottolinea l’anomala copertura del ddl anche l’altro deputato pentastellato della commissione Bilancio, Nuccio Di Paola.

“In meno di 24 ore – ha detto – dall’ok in commissione Bilancio all’arrivo in aula, abbiamo visto ridurre il fondo contenziosi di ben dodici milioni di euro, da meno cinquanta milioni a meno 62. E questo a riprova delle coperture ballerine previste dal Governo Musumeci”.

“Non è ammissibile – ha concluso Di Paola – che si saccheggi il fondo in questo modo, e ciò è dovuto anche alla mancanza della banca dati sui contenziosi che ci chiede da tempo la Corte dei Conti, su cui il governo continua a dormire”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684