Regione, progetti bocciati e premi di risultato, Striscia la notizia cita il QdS - QdS

Regione, progetti bocciati e premi di risultato, Striscia la notizia cita il QdS

web-dr

Regione, progetti bocciati e premi di risultato, Striscia la notizia cita il QdS

web-dr |
mercoledì 13 Ottobre 2021 - 11:24

La nota trasmissione televisiva ideata da Antonio Ricci ha puntato i riflettori sulla pesante bocciatura dei 31 progetti per l’agricoltura presentati dalla Regione

Striscia la notizia ha ripreso l’inchiesta del nostro quotidiano “Sicilia, i dirigenti ‘marziani’ della Regione, 7,5 milioni di premi mentre i siciliani fanno la fame”.

La nota trasmissione televisiva ideata da Antonio Ricci ha puntato i riflettori sulla pesante bocciatura dei 31 progetti per l’agricoltura presentati dalla Regione e ha mostrato nel servizio andato in onda lunedì 11 ottobre la nostra inchiesta sui premi di risultato ai dirigenti regionali.

Perché? “Mancavano dati importanti e documentazioni. Si è notato – spiega Stefania Petyx nel servizio – che lo stesso perito si trovava nello stesso momento in due parti della Sicilia”.

“Eppure alla faccia degli agricoltori rimasti a bocca asciutta – prosegue l’inviata – questi burocrati bocciati noi da anni li premiamo lautamente con ricchi bonus di produzione”.

Ricostruiamo brevemente i fatti. L’Isola ha fatto en plein di… boccature: tutti i progetti per l’agricoltura presentati dalla Regione sono stati scartati da Ministero per le Politiche agricole perché non rispettavano i requisiti richiesti. Un record che nessuno ci invidia ma soprattutto una perdita di risorse preziosissime per il settore: 422 milioni di euro volati via.

Le giustificazioni dell’assessore Scilla

La Regione grida al complotto denunciando l’ostilità di Roma nei confronti della agricoltura siciliana: “Apprendiamo dal Mipaaf  – ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura e sviluppo rurale, Toni Scilla che solo 31 dei 63 progetti presentati dalla Sicilia sono stati presi in considerazione attraverso il decreto di approvazione degli elenchi dei progetti ammissibili e non ammissibili a finanziamento con fondi afferenti al Pnrr per investimenti nella resilienza dell’agrosistema irriguo. E questo lo dice lunga sulla recidiva ostilità di Roma nei confronti della agricoltura siciliana”.

La versione del Mipaaf

Il Mipaaf è di tutt’altro avviso: “Nessuno dei progetti presentati è risultato ammissibile ma per motivi meramente tecnici” ha dichiarato il ministro delle politiche agricole Stefano Patuanelli durante il question time alla Camera.

Nel comunicato pubblicato sul sito del Dicastero retto da Patuanelli viene chiarito che “Nessuno dei 31 progetti di investimento, presentati dai Consorzi ed Enti siciliani, ha intercettato tutti i criteri previsti per la selezione dei Progetti irrigui sul PNRR”.

I criteri di ammissibilità dei progetti

“I criteri di ammissibilità per ottenere il finanziamento con i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza sono 23 e riguardano tra gli altri punti il livello di esecutività dell’opera, l’entità del risparmio idrico, la superficie oggetto di intervento, le tecnologie utilizzate e i benefici ambientali prodotti. Per essere ammessi, i progetti dovevano soddisfare tutti i 23 criteri previsti; di conseguenza, se anche un solo criterio non è stato soddisfatto, il progetto non può essere ammesso”.

“Alla data di scadenza utile per la presentazione dei progetti su PNRR, erano presenti in totale 61 progetti di Enti irrigui della Regione Siciliana. Per 32 progetti è stata inserita come Fonte di finanziamento ‘Recovery Plan – Mipaaf, per uno i termini di inserimento erano errati. Pertanto gli Enti della Regione Siciliana hanno presentato in totale 31 progetti su PNRR. I rimanenti progetti non sono stati candidati sul Recovery Plan”.

Il servizio di Striscia la notizia sui progetti bocciati in Sicilia

Qui entra in gioco nel servizio di Striscia il nostro quotidiano: i nostri dirigenti regionali percepiscono infatti lauti premi di risultato per meriti che si fatica – e non poco – a rilevare. Sono 7,5 i milioni stanziati nell’esercizio finanziario 2020 per le indennità di risultato del 2019. Tanto quanto l’anno precedente.

Da quella data poco o nulla è cambiato. A fronte della diminuzione dei dirigenti, scesi sotto quota 900 principalmente per effetto dei pensionamenti, la cifra in bilancio per i premi di risultato dell’anno 2020 è rimasta pressoché la stessa – 8 milioni – e la si può rilevare nella sezione “Performance” presente sul sito istituzionale della Regione siciliana.

A cambiare invece è l’importo medio: a ciascun dirigente spetterà infatti un extra di oltre 9.000 euro in media per quelle che in gergo tecnico si chiamano indennità di risultato e che, in soldoni, sono premi.

Se la matematica non è un’opinione, ciascun dirigente riceverà dunque una fetta di torta più grande rispetto all’anno precedente perché la somma stanziata nel 2020 è sostanzialmente uguale a quella dell’anno precedente ma i dirigenti sono di meno: Otto milioni diviso gli 866 dirigenti operativi al 31 dicembre 2020 – sempre secondo i dati pubblicati sul sito della Regione – equivalgono infatti a 9.200 euro a testa. Mica spicci.

Paola Giordano

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684