Report Best countries 2020, la Svizzera si conferma il Paese migliore dove vivere - QdS

Report Best countries 2020, la Svizzera si conferma il Paese migliore dove vivere

redazione

Report Best countries 2020, la Svizzera si conferma il Paese migliore dove vivere

sabato 25 Gennaio 2020 - 00:00
Report Best countries 2020, la Svizzera si conferma il Paese migliore dove vivere

L’indagine ha coinvolto 20.000 persone di 80 Paesi. Italia 17sima ma al primo posto della classifica per qualità di cibo e vino

ROMA – Il miglior posto dove vivere è la Svizzera, numero uno al mondo per il quarto anno consecutivo, in base al Report Best countries 2020, classifica realizzata da uno studio di Vmlky&R Bav Group, U.S. News & World Report, e Wharton School della University of Pennsylvania.

Secondo l’indagine, l’Italia resta stabilmente indietro in classifica, 17sima. La graduatoria considera 80 Paesi in base a una serie di criteri, da influenza economica e potere militare, a qualità della vita e istruzione, per capire come le nazioni vengono percepite a livello mondiale. Agli intervistati è stato chiesto di indicare i Paesi da cui preferirebbero acquistare le diverse tipologie di prodotti, per misurare il potere della marca-paese. La Germania si colloca al primo posto per i consumatori che vorrebbero acquistare automobili da questa nazione e per ricevere assistenza sanitaria e prodotti farmaceutici. La Francia invece si colloca al primo posto per cosmetici e moda; l’Italia ha il primato per il food & wine; il Giappone per tecnologia ed elettronica.

Per la Svizzera, il discorso è un altro. Si colloca, per il quarto anno consecutivo, in testa alla classifica del Best Countries Report per qualità della vita generale, precedendo il Canada e il Giappone; ai piedi del podio Germania e Australia.

Il Report Best Countries 2020 è stato compilato con l’ausilio di un’indagine globale annuale di oltre 20.000 persone in 80 Paesi e comprende altre indagini che riguardano la percezione delle persone in riferimento a una serie di caratteristiche qualitative. A piacere del Paese primo in lista, sono le piccole dimensioni e il fatto che offra stabilità e affidabilità. Sicurezza anche dal punto di vista lavorativo con la possibilità di mantenere un ottimo equilibrio tra vita professionale e privata. Inoltre gode anche di un ottimo ambiente, cibo e soprattutto aria poco inquinata.

Il Regno Unito, con Brexit, scende al sesto posto uscendo dai primi cinque per la prima volta. Settimi gli Stati Uniti che sono visti come uno Stato potente ma di dubbia resistenza nel campo politico, portato avanti da Trump.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684