Rifiuti, Faraone, basta parole, adesso serve innovazione - QdS

Rifiuti, Faraone, basta parole, adesso serve innovazione

redazione web

Rifiuti, Faraone, basta parole, adesso serve innovazione

domenica 19 Gennaio 2020 - 02:07
Rifiuti, Faraone, basta parole, adesso serve innovazione

Secondo l'esponente di Italia Viva il tema viene affrontato in maniera ideologica. Così rilancia, proponendo impianti di nuova generazione che valorizzano i rifiuti trasformandoli in energia per gli edifici pubblici e metano per i trasporti, abbattendo le tasse

“Abbiamo cominciato a costruire un’idea di città pulite che si basa su due presupposti: meno rifiuti per le strade, meno tasse per i cittadini. E non dite che non si può fare”.

E’ andato dritto al cuore del problema Davide Faraone, palermitano e presidente dei senatori di Italia Viva, da sempre sensibile al problema – realizzò su Facebook una serie di inchieste sulle discariche – intervenendo ieri al convegno organizzato da Iv Palermo sul tema dei rifiuti: “Bellolampo sottosopra: città pulita e discarica chiusa”.

E non le ha mandate certo a dire, il senatore: “Ci siamo stancati delle chiacchiere, di chi affronta i temi dell’ambiente con gli occhiali del Novecento, con l’ideologia anziché l’innovazione. E mentre nel Sud siamo fermi, in tante parti del mondo la modernità non è tabù, disputa ideologica che non tiene conto dell’innovazione”.

“Noi abbiamo le idee chiare – ha aggiunto – e vogliamo, sulle nostre proposte, confrontarci con tutti. Un piano che, per esempio, prevede la chiusura della discarica di Bellolampo a Palermo e, al suo posto, la creazione di impianti di nuova generazione che inquinano meno, valorizzano i rifiuti trasformandoli in energia per gli edifici pubblici e metano per i trasporti e, soprattutto, che abbattano le tasse per i cittadini e rendano le strade pulite”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684