Rifugiati, Lega Nord, il bando d'accoglienza di Orlando è stato un flop totale - QdS

Rifugiati, Lega Nord, il bando d’accoglienza di Orlando è stato un flop totale

redazione web

Rifugiati, Lega Nord, il bando d’accoglienza di Orlando è stato un flop totale

sabato 17 Ottobre 2020 - 09:23

“Palermo non è la città accogliente che da anni ci predica il sindaco Leoluca Orlando. Il bando del luglio 2019, che prevedeva l’accoglienza in famiglie palermitane per rifugiati e/o titolari di protezione sul territorio italiano, è stato un flop totale”.

Lo dicono il capogruppo al Comune della Lega Nord, Igor Gelarda, e Giuseppe Quartararo, consigliere della III circoscrizione con riferimento all’avviso pubblico che puntava a dare sostegno, secondo il modello di ‘Refugeés Welcome Italia’, a persone in fuga dai loro paesi d’origine e che avevano bisogno di aiuto per integrarsi e ricominciare una nuova vita a Palermo.

“Solo quattro famiglie palermitane, sulle 262 mila presenti, hanno fatto domanda e appena due quelle che hanno davvero accolto a casa loro rifugiati – spiegano Gelarda e Quartararo – siamo alla farsa”.

I dati sono dell’assessore alle attività sociali Giuseppe Mattina che ha risposto a una interrogazione della Lega Nord.

L’avviso puntava a costituire un elenco di famiglie disponibili, mentori naturali, all’accoglienza di rifugiati e/o titolari di protezione tra 19 e 35 anni per proteggere e sostenere il progetto di vita personale dell’ospite.

“Un modello – si legge nel bando – che chiami in campo la società civile in un lavoro di corresponsabilità sociale, accoglienza in famiglia che punta al coinvolgimento diretto dei cittadini a rafforzare la coesione sociale”. Ma la società civile non ha risposto.

“Predicare l’accoglienza è una cosa, praticarla è un’altra – sottolineano i due leghisti -. Ci eravamo illusi che almeno i 12 dodici assessori o qualcuno dei 20 consiglieri che lo hanno salvato dalla sfiducia, per dare il buon esempio, avrebbero aderito al progetto, invece nulla. Dove sono le Sardine e i radical chic orlandiani di ferro, che odiano a morte Salvini, perché dice che l’accoglienza è una cosa seria e non si può fare demagogia?”. Il bando e il progetto per Orlando che lo presentò doveva rappresentare “la conferma che la scelta dell’amministrazione è condivisa dai cittadini”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684