Assessore Razza: “Viminale vari protocollo sanitario migranti” - QdS

Assessore Razza: “Viminale vari protocollo sanitario migranti”

redazione

Assessore Razza: “Viminale vari protocollo sanitario migranti”

martedì 11 Agosto 2020 - 00:00
Assessore Razza: “Viminale vari protocollo sanitario migranti”

"Con ordinanza Musumecì più sicurezza, tampone a chi sbarca". Hotspot di Messina, l'appello al governo nazionale: "Lo chiuda subito"

“Con l’ultima ordinanza del presidente Musumeci si avrà più sicurezza nei confronti dei cittadini, perché chi pensa a nuove tendopoli in Sicilia dove ospitare le quarantene, se poi non si riesce nemmeno a presidiare le caserme, deve pensare ad altro”. Lo ha detto l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza al Policlinico di Messina a margine della presentazione del nuovo commissario del nosocomio Giampiero Bonaccorsi già direttore generale facente funzioni del Policlinico di Catania “L’ordinanza di Musumeci – prosegue Razza – tiene conto dell’esigenza della sicurezza dei migranti stessi e dei cittadini, imponendo l’obbligo del tampone per ogni migrante e chiede al ministero dell’Interno un protocollo sanitario per la loro gestione. Quello che è successo a Messina, Caltanissetta ed Enna è figlio dell’assenza di un protocollo sanitario per la loro gestione sul fronte sanitario. Oggi chiediamo ai nostri concittadini di rispettare le regole, di indossare la mascherina, mantenere il distanziamento, se noi chiediamo questo a loro pensare poi che chi arrivai n Sicilia venga gestito in maniera non sicura non è pensabile”.

“Noi in questo momento in Sicilia stiamo ospitando decine di migliaia di turisti – ha proseguito Razza -, lo stiamo facendo in condizioni di sicurezza, ci sia aspettava un aumento dei contagi per la fase di post lockdown che prevedeva un aumento dei contagi. C’è una gestione profonda della sanità del territorio, l’aumento è dovuto anche all’azione di screening che li ha fatti crescere nel numero poiché se da un positivo si fa una ricostruzione di tutti i contatti ci sono più positivi anche se asintomatici e questo lo dovrebbero fare tutte le regioni come la Sicilia perché ci sarà più sicurezza per le fase di riapertura a Settembre delle scuole e delle attività”. “La sanità del territorio – ha spiegato l’assessore – ci permette di circoscrivere i focolai, di intervenire immediatamente. In questo momento la malattia si presenta in maniera diversa, c’è minore ricorso all’ospedalizzazione e alle terapie intensive. Ci sono però tante persone che sono positive anche se asintomatiche, quindi non si deve abbassare la guardia”.

Sull’hotspot di Messina l’appello dell’assessore: “Il governo lo chiuda”

“L’hotspot di Messina – ha detto Razza – va chiuso, il sindaco fa bene a dirlo anche se è in ritardo. Mesi fa già la Regione aveva individuato la mancanza della autorizzazione sanitarie e le ha trasmesse al ministero dell’Interno. So che sia il prefetto che il ministro sono d’accordo nel chiuderlo. Per me fondamentale è la condivisione della gestione sanitaria, ci sono stati ritardi da parte del governo nazionale una sottovalutazione dell’argomento, se si è arrivati al mese di agosto senza sapere come gestire dal punto di vista sanitario le aree di sbarco”.
“Spero che i migranti – ha aggiunto Razza – non arrivino a Messina, le navi di quarantena sono necessarie soprattutto per motivi di sbarco. E’ diversa la gestione dei migranti che sono già malati e devono essere curati e trattati sanitariamente rispetto ai migranti non positivi che devono solo fare una quarantena preventiva. Per me è incivile pensare che chi è malato ed è nel nostro territorio non debba avere le necessarie cure”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684