Salvini al citofono, Facebook rimuove il video dalla sua pagina - QdS

Salvini al citofono, Facebook rimuove il video dalla sua pagina

redazione web

Salvini al citofono, Facebook rimuove il video dalla sua pagina

martedì 28 Gennaio 2020 - 12:18
Salvini al citofono, Facebook rimuove il video dalla sua pagina

Su richiesta dell'avvocato del ragazzo. La motivazione, "è incitamento all'odio". L'avvocato ha pubblicato lo screenshot con cui Facebook comunica la rimozione. "Un segnale straordinario: rimosso il video dell'incurisione di un ex Ministro dell'Interno nella vita di una famiglia"

“Facebook ha rimosso dalla pagina di Matteo Salvini il video della vergogna: la diretta della sua citofonata a casa di Yassin”.

Lo dice l’avvocato Cathy La Torre, che difende il ragazzo del Pilastro di Bologna, dove il 21 gennaio il leader della Lega è andato a suonare al citofono, chiedendo se lì abitava uno spacciatore.

Ne era stata chiesta la rimozione per “incitamento all’odio”.

L’avvocato ha pubblicato lo screenshot con cui Facebook comunica la rimozione.

“E’ la prima di una lunga serie di vittorie per cui ci batteremo fino allo stremo, ve lo prometto, su questa meschina pagina della nostra vita democratica”, ha scritto su Facebook l’avvocato Cathy La Torre, commentando la rimozione del ‘video del citofono’ dalla pagina social di Matteo Salvini.

“Quella diretta – ha sostenuto il legale – ha devastato la vita di Yassin. Yassin, incensurato, diciassettenne italiano e giocatore di calcio, si è ritrovato in tutta Italia bollato come ‘lo spacciatore'”.

“La rimozione del video – ha aggiunto l’avvocato – non riparerà tutto questo. E Matteo Salvini sarà chiamato a rispondere delle sue responsabilità per le vie previste dalla legge. Ma è un segnale comunque straordinario. Un ex Ministro dell’Interno vede rimosso il video di una sua incursione nella vita di una famiglia, nella sua privacy, a seguito di una segnalazione per ‘incitamento all’odio’. E’ una vittoria. Ma è solo la prima”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684