San Giovanni Galermo, buche da incubo e disagi post-maltempo - QdS

San Giovanni Galermo, buche da incubo e disagi post-maltempo

web-j

San Giovanni Galermo, buche da incubo e disagi post-maltempo

web-j |
sabato 04 Dicembre 2021 - 15:26

Le dichiarazioni di Erio Buceti, presidente del IV municipio a Qds.it e un video che mostra i disagi dopo le recenti ondate di maltempo

Non è facile viaggiare a Catania, tanto per le auto quanto per i pedoni: se la gente del posto è tradizionalmente considerata ospitale, le strade non lo sono per niente. Questo è particolarmente vero per le aree periferiche, come San Giovanni Galermo, che si trovano a fronteggiare quotidianamente diversi problemi: buche, marciapiedi praticamente inesistenti, inciviltà e rifiuti… La lista è lunga e i residenti (e non solo) la conoscono già a memoria.

Con le recenti ondate di maltempo, la situazione è peggiorata in alcune aree: le buche di alcune vie principali di San Giovanni Galermo sembrano vere e proprie voragini e, purtroppo, assieme ai rifiuti e all’inciviltà, rappresentano il volto peggiore del capoluogo etneo.

Il video allegato all’articolo – benché amatoriale e girato volutamente in movimento – è sufficiente a far notare le condizioni di strade come la SP12i, via San Giovanni Battista, via Don Minzoni e via Luisella. La SP12i – che conduce al famoso Etna Bar ed è un collegamento importante con i Comuni di Misterbianco e San Pietro Clarenza, ma anche con la Tangenziale e il centro di Catania – è un incubo, sia per il traffico sia per gli innumerevoli pericoli per gli utenti della strada. Il cartello “Catania” a metà della Provinciale segna il confine tra Misterbianco e il rione di San Giovanni Galermo e quello del capoluogo etneo non è certo un caldo benvenuto. Lo scenario è desolante, specialmente nei momenti in cui la pioggia vanifica i lavori periodici di ripristino del manto stradale e la prudenza – che, bisogna ammetterlo, è poca – di alcuni utenti della strada.

La situazione non cambia nella centrale via San Giovanni Battista né nell’area di via Don Minzoni: strade dissestate, luci quasi assenti, pericoli ovunque. “Parlando di questo problema, bisogna fare una premessa sulla metodologia utilizzata per il ripristino del manto stradale: si procede con l’asfalto a freddo, che permette una risoluzione immediata del disagio ma che purtroppo ha una tenuta ridotta. Ciò comporta la formazione di vere e proprie voragini ogni volta che si verificano alluvioni come quelle delle scorse settimane”, dichiara Erio Buceti, presidente del Municipio di Catania (Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo).

“Ogni volta che si formano queste voragini, viene immediatamente fatta una segnalazione (dal consiglio del IV Municipio o dai cittadini) al Pronto Intervento che si occupa della manutenzione delle strade. Grazie a un portale – ‘Curiamo Catania’ – entro circa 48 ore dalla segnalazione in genere si ha un intervento di ripristino. Bisogna, però, tenere conto che quello delle buche è un problema molto diffuso e per questo il lavoro delle squadre d’intervento può subire dei ritardi. Inoltre, in genere, all’alluvione successiva il problema si ripresenta e, quindi, l’obbligo di essere vigili e intervenire è determinante in questi casi”, aggiunge.

Via Luisella è un caso a parte. Lì il problema non si ferma alle buche ed entra in gioco un altro fattore determinante: l’inciviltà. Quell’inciviltà che distrugge quanto di bello il capoluogo etneo ha da offrire, che oscura il lavoro di cittadini onesti e istituzioni e non rende onore alle meraviglie di Catania. Via Luisella è da anni una discarica abusiva per molti e, anche con nuove normative e più attività di sensibilizzazione, la situazione stenta a cambiare. L’ex supermercato abbandonato circondato dai rifiuti e i piccioni che cercano cibo in mezzo alla spazzatura sono il simbolo di un degrado ambientale che non può lasciare indifferenti.

Tuttavia, non tutto è perduto. C’è una luce in fondo al tunnel e quella luce si chiama speranza e voglia di cambiamento: “Per quanto riguarda la questione rifiuti, siamo a un punto di svolta. Dall’8 novembre è partita la raccolta differenziata nell’area di San Giovanni Galermo e sto riscontrando la soddisfazione generale degli utenti. Tuttavia, ci sono alcuni siti – compreso quello di via Luisella – che continuano a essere luogo di discarica. Per questi siti ho richiesto alla Polizia Ambientale di effettuare ispezioni – anche in borghese – e giornalmente ci sono controlli e sanzioni a chi disattende le regole”, spiega Buceti.

“Via Luisella ad oggi sta rappresentando ancora un problema, ma ho ragione di ritenere che nell’arco di qualche giorno/settimana la ‘discarica’ di via Luisella possa essere eliminata, così come altri siti simili dell’area vicina”, conclude.

Il sogno e la speranza comune è vedere una periferia catanese valorizzata, senza pericoli e priva di ogni segno di abbandono o inciviltà. Quel sogno è ancora lontano dall’essere realizzato, ma non smettere di crederci è l’unico modo per lasciare la speranza viva anche di fronte a una realtà disarmante ormai da troppo tempo.

Marianna Strano

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684