Sanità, così la pandemia ha cambiato la mappa delle terapie intensive - QdS

Sanità, così la pandemia ha cambiato la mappa delle terapie intensive

redazione

Sanità, così la pandemia ha cambiato la mappa delle terapie intensive

sabato 04 Luglio 2020 - 00:00

ROMA – L’emergenza coronavirus ha modificato, in modo permanente, la mappa delle terapie intensive sul territorio italiano, che in generale aumentano, anche se con un’ampia variabilità regionale. Lo afferma l’Instant Report Covid-19 dell’Altems, l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica, alla quattordicesima edizione.

La Lombardia, si legge nel rapporto, che ha aumentato in maniera significativa (+79%) il numero dei posti letto in terapia intensiva durante l’emergenza, ha previsto il mantenimento di gran parte di questi (585) nel piano di riorganizzazione dell’attività ospedaliera.

“In generale – rilevano gli esperti – gli aumenti maggiori durante la fase emergenziale si sono registrati in quelle regioni in cui il virus ha circolato con maggiore intensità (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna) o in quelle regioni che partivano da una dotazione bassa di posti letto in terapia intensiva (Campania e Liguria). Tale orientamento sembrerebbe poi confermato dai piani di programmazione regionale approvati in risposta al Dl 34/2020.

Nello specifico in Lombardia l’aumento è del 8%, in Emilia-Romagna +43%, in Piemonte +91%, nelle Marche +91%, Umbria +83%, Abruzzo +54%, Liguria +29%, Trentino-Alto Adige +125%, Toscana + 47%, Sardegna +76%, Campania + 149%, Calabria + 92%”. Sono 7 le regioni (Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria e Veneto) che hanno deliberato piani di riorganizzazione.

All’opposto, invece, sono 5 le regioni (Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Molise, Puglia e Valle d’Aosta), che non hanno approvato alcun piano. Altre 6 (Abruzzo, Calabria, Campania, Piemonte, Sardegna e Trentino Alto-Adige), che precedentemente non avevano riorganizzato l’assistenza ospedaliera, hanno approvato piani in risposta all’art. 2 del DL 34/2020.

Infine, Lazio e Sicilia, al momento non hanno approvato piani di riorganizzazione ospedaliera come richiesto dal Dl 34 ma avevano precedentemente definito un piano di riorganizzazione per la fase 2.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684