Sanità, scatta interrogazione M5S su trasferimento paziente gelese in Calabria - QdS

Sanità, scatta interrogazione M5S su trasferimento paziente gelese in Calabria

redazione

Sanità, scatta interrogazione M5S su trasferimento paziente gelese in Calabria

lunedì 20 Luglio 2020 - 15:13
Sanità, scatta interrogazione M5S su trasferimento paziente gelese in Calabria

“Lo smantellamento dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Gela continua a provocare disastri nel comprensorio. Dato che in queste ore a Gela un paziente che aveva necessità di cure psichiatriche viene trasferito con l’unica ambulanza medicalizzata del 118, chi avesse necessità di un intervento urgente si rivolga direttamente al manager dell’Asp Caltagirone. Sarà lui con la sua macchina a sostituire il lavoro delle ambulanze”. La provocazione è quella della deputata regionale del Movimento 5 Stelle Ketty Damante che con una interrogazione urgente al presidente della Regione e all’Assessore Razza, ha chiesto le responsabilità della reiterata chiusura dell’Unità Operativa Complessa di Psichiatria dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Gela e dell’utilizzo dell’unica ambulanza di cui dispone il 118 per un trasferimento in altra regione la cui durata supera anche le 30 ore.    “Mentre da mesi – spiega Damante – denunciamo lo stato di totale disastro del sistema sanitario nel Nisseno, il governo Musumeci promuove il manager Caltagirone con nuovi incarichi. La mancanza di un reparto per la cura dei pazienti psichiatrici sta gravando oltre misura sulla comunità gelese. Addirittura dobbiamo sopportare lo scandalo del trasferimento a Catanzaro con l’unica ambulanza medicalizzata a disposizione del 118.  E se nel frattempo dovesse servire l’ambulanza, verrà il dirigente dell’Asp, da poco premiato per il magnifico lavoro fatto, con la sua macchina? La Sanità pubblica nel Nisseno non esiste, dal Sant’Elia di Caltanissetta al Vittorio Emanuele di Gela è un totale disastro. I gelesi sono trattati come animali da macello, i reparti inaugurati in pompa magna sono solo teatro, i risultati pessimi dei dirigenti premiati. Continuare a gestire in questo modo la sanità della mia terra è pura follia. Non possiamo più attendere oltre. Con il mio atto parlamentare chiedo all’Assessore Razza che risponda in maniera ufficiale su chi ha la responsabilità di questo disastro conclamato”- conclude Damante.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684