Sant'Elia Caltanissetta, 7 psicologhe assistono pazienti - QdS

Sant’Elia Caltanissetta, 7 psicologhe assistono pazienti

web-la

Sant’Elia Caltanissetta, 7 psicologhe assistono pazienti

web-la |
martedì 09 Novembre 2021 - 18:01

Da sei mesi si prendono cura dei pazienti che arrivano in pronto soccorso e dei loro familiari rendendo le ore di attesa meno angoscianti. Sono le sette psicologhe, tre di loro sono anche psicoterapeute, che lavorano all’interno del pronto soccorso dell’ospedale Sant’Elia. Il nuovo servizio fa del pronto soccorso, guidato dal primario facente funzioni Salvatore Amico, un reparto all’avanguardia per quanto riguarda il processo di umanizzazione delle cure.

A prendersi cura dello stato d’animo di chi arriva in pronto soccorso sono Melina Scebba, Camilla Di Virgilio, Chiara Giambra, Laura Bonaffini, (psicoterapeute), Maria Chiara Runza, Laura Leonardo, Rita Ricotta (psicologhe).

“In 6 mesi sono state fatte 1.395 prestazioni – spiega il direttore del presidio ospedaliero Benedetto Trobia – e a molti dei pazienti, quelli che possono farlo, viene somministrato un questionario di gradimento. Il risultato è che il 99% dei pazienti si ritiene soddisfatto. Inoltre la quasi totalità dei pazienti sostiene che il servizio è notevolmente migliorato rispetto al passato, quando non esisteva l’assistenza psicologica. Il nostro obiettivo è fare in modo che nessun paziente si senta solo. Il pronto soccorso spesso registra moltissimi accessi. I medici devono contemporaneamente monitorare diversi pazienti, fare visite, disporre esami e l’attesa può rivelarsi più lunga del previsto. Grazie all’assistenza psicologica l’attesa diventa meno snervante e angosciante e i pazienti hanno un nuovo punto di riferimento. Il servizio non si riduce alla sola assistenza psicologica. Tra le 1.395 prestazioni rientrano: le segnalazioni ai servizi sociali; il supporto dei pazienti psichiatrici; la mediazione tra familiari e medici quando purtroppo si devono comunicare brutte notizie; la gestione degli attacchi di panico; l’attivazione del codice rosa, dedicato alle donne e ai minori vittime di violenza; l’accompagnamento per le visite mediche; il supporto ai familiari per i pazienti in codice rosso; la mediazione tra il personale sanitario e il paziente o i familiari”. (ANSA).

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684