Scioglimento Consiglio Maniace, il Tar chiede gli atti al Ministero - QdS

Scioglimento Consiglio Maniace, il Tar chiede gli atti al Ministero

redazione

Scioglimento Consiglio Maniace, il Tar chiede gli atti al Ministero

venerdì 09 Ottobre 2020 - 00:00

Il 12 maggio 2021 il merito del ricorso proposto dall’ex sindaco Cantali

Il ministero dell’Interno entro tre mesi dovrà consegnare al Tar del Lazio tutti gli atti che nel maggio scorso hanno portato allo scioglimento del Consiglio comunale di Maniace per presunti condizionamenti della vita amministrativa da parte delle organizzazioni criminali locali. L’ha deciso la prima sezione del Tribunale amministrativo che ha aggiornato al 12 maggio 2021 la trattazione di merito del ricorso proposto dall’ex amministrazione con in testa l’ex sindaco Antonino Cantali.
Il Tar, “rilevato che gli atti istruttori, sulla base dei quali è stato emanato il provvedimento impugnato, costituiscono provvedimenti la cui conoscenza in forma integrale è necessaria ai fini del decidere”, ha ritenuto di “ordinare all’amministrazione il deposito di tutti gli atti e documenti, non ancora depositati, in base ai quali è stato emanato il decreto impugnato e, in particolare: la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 15 maggio 2020; la Proposta preliminare formulata dal Ministero dell’Interno e la correlata relazione istruttoria del 28 aprile 2020; il Decreto del Ministro dell’Interno in data 18 ottobre 2019, contenente la delega all’accesso ispettivo presso il Comune di Maniace; il Decreto del Prefetto della Provincia di Catania del 22 ottobre 2019 di nomina della Commissione di indagine; la relazione della Commissione di indagine del 22 gennaio 2020; il verbale di audizione dei dirigenti del Comune di Maniace e del segretario comunale”.

Precisando inoltre che tutti i documenti andranno depositati in versione integrale e privi di omissis, e che gli stessi, essendo classificati come ‘riservati’, saranno sottoposti a tutte le cautele previste dalla legge, è stato assegnato il termine di novanta giorni per il deposito di quanto richiesto; decisione del ricorso proposto rinviata a dopo l’udienza pubblica, già fissata il 12 maggio 2021.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684