Scuola, la professoressa palermitana punita , "Grazie a Zingaretti per avermi ricordato". La finta revoca della sanzione - QdS

Scuola, la professoressa palermitana punita , “Grazie a Zingaretti per avermi ricordato”. La finta revoca della sanzione

redazione

Scuola, la professoressa palermitana punita , “Grazie a Zingaretti per avermi ricordato”. La finta revoca della sanzione

sabato 16 Novembre 2019 - 16:03

“Ringrazio il segretario del Pd Zingaretti per avermi ricordato in occasione della manifestazione ‘Tutta altra storia’ di Bologna, il che significa che gli stanno a cuore i diritti costituzionalmente garantiti come la libertà di opinione e quella di insegnamento”.

Lo ha detto la professoressa Rosa Maria Dell’Aria, la docente dell’istituto Vittorio Emanuele III di Palermo, sospesa dall’insegnamento lo scorso maggio, per due settimane, dall’ufficio scolastico provinciale per non aver vigilato su una ricerca dei propri alunni che avevano accostato le leggi razziali del ’38 al decreto sicurezza del ministro Matteo Salvini.

“Ritengo di aver fatto sempre il mio dovere di docente, che anche quello di offrire agli studenti la possibilità di leggere il presente attraverso lo studio della storia”, ha aggiunto.

Lo scorso 23 maggio, in occasione della commemorazione della strage di capaci, l’allora ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, assieme a Matteo Salvini, avevano incontrato la professoressa dell’Aria in prefettura coi suoi legali Alessandro Luna e Fabrizio La Rosa, affermando di aver trovato una soluzione per annullare il provvedimento.

La sanzione, che gli avvocati e la stessa docente volevano fosse dichiara “illegittima”, però, non è mai stata revocata né annullata, tanto che è stato presentato un ricorso al giudice del lavoro.

La prima udienza è stata fissata nel marzo 2020.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684