Scuole paritarie, Drago (M5s), "Garantire libertà di istruzione" - QdS

Scuole paritarie, Drago (M5s), “Garantire libertà di istruzione”

Patrizia Penna

Scuole paritarie, Drago (M5s), “Garantire libertà di istruzione”

mercoledì 13 Maggio 2020 - 13:26

La senatrice del Movimento Cinque Stelle Tiziana Drago ha
annunciato la presentazione di un emendamento al decreto scuola (dl 22/2020)
per istituire delle misure a favore della libertà di insegnamento e delle
scuole paritarie, proponendo uno sconto dell’80% sulle rette per le famiglie
degli studenti e riconoscendo un credito di imposta da utilizzare
esclusivamente in compensazione.

“In Italia l’articolo 33 riconosce la libertà d’istruzione –
dice Drago – e si garantisce la libertà di scelta degli studenti e delle
famiglie tra la scuola pubblica e la scuola pubblica paritaria, come indicato
dal D.lgs 62/2000. Purtroppo, però, a causa dell’emergenza sanitaria in atto e
di alcune decisioni assunte, è a rischio proprio questa libertà di scelta
poiché le scuole paritarie, senza adeguati sostegni, rischiano la chiusura”.

“Parliamo del rischio chiusura per il 30% delle 12mila paritarie italiane: una
vera e propria ecatombe in termini di posti di lavoro per docenti e personale
amministrativo senza contare che vi sarebbero 300mila studenti in più che
andrebbero a riversarsi sul già fragile sistema della istruzione pubblica. Il
costo per studente nella scuola paritaria è molto più basso, per le casse statali,
rispetto alla scuola pubblica (4mila in media per la paritaria e 8mila circa
per la pubblica). In sostanza– aggiunge la senatrice – sarebbe un danno
incalcolabile per docenti, studenti e per le casse pubbliche”.

“Così ho proposto un emendamento al decreto scuola
attualmente in lavorazione al Senato, per assicurare la qualità e la continuità
del servizio scolastico ed educativo offerto dalle scuole paritarie che prevede
per il periodo dal 01/04/ 2020 e fino al 31/12/2020, uno sconto pari all’80%
sull’importo della retta. A fronte dello sconto concesso è riconosciuto un
credito di imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione ai sensi
dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Così il credito
d’imposta può essere ceduto a terzi, con esclusione della possibilità di
ulteriori cessioni da parte di questi ultimi. Ipotizzabile la cessione ad
istituti di credito e ad intermediari finanziari. Un’altra ipotesi in campo
potrebbe essere quella di sconti per le famiglie secondo determinati parametri
Isee”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684