Siracusa, sospeso poliziotto senza green pass, "obbligo da regime nazista" - QdS

Siracusa, sospeso poliziotto senza green pass, “obbligo da regime nazista”

web-mp

Siracusa, sospeso poliziotto senza green pass, “obbligo da regime nazista”

web-mp |
venerdì 15 Ottobre 2021 - 13:58

A raccontare il fatto, a mezzo social, è proprio l'agente di Polizia che oggi si è presentato alla Questura aretusea privo di green pass, per lui è scattato l'allontanamento e la sospensione

Oggi è il primo giorno di obbligo green pass per tutti i lavoratori, pubblici e privati. E come prevedono le nuove regole, che impongono da oggi l’obbligatorietà del certificato verde, nessuno può mettere piede in ufficio, perché in caso contrario scattano pesanti conseguenze.

Da Siracusa arriva la notizia di un poliziotto che, questa mattina, si è regolarmente presentato in Questura privo della certificazione verde. L’agente dopo controllo è stato invitato ad allontanarsi dall’edificio e si è visto notificare la contestazione di assenza ingiustificata.

Il poliziotto no green pass, lo sfogo su facebook, “senza l’infame tessera verde, degna del regime nazista”

“Non potrò accedere nei luoghi di servizio, sospeso e senza stipendio fino al 31 dicembre, poiché non in possesso dell’infame tessera verde, degna del regime nazista della Germania di Hitler degli anni ’30” scrive sui social lo stesso poliziotto. Mi rifiuto di fare da cavia per la sperimentazione di massa della terapia genica, da oggi ho avuto la nuova qualifica di untore”.

Arriva la risposta dalla Questura di Siracusa, caso isolato, eseguito il provvedimento

Il capo di gabinetto della Questura di Siracusa, Ferdinando Buceti, conferma l’avvenuto allontanamento ed il conseguente provvedimento assunto in applicazione delle norme vigenti. Si tratta dell’unico caso che riguarda la Questura di Siracusa, da giorni impegnata sul territorio per controlli amministrativi nelle attività esterne proprio circa il possesso del green pass.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684