Smart working dipendenti comunali: “Assicurati i servizi” - QdS

Smart working dipendenti comunali: “Assicurati i servizi”

redazione

Smart working dipendenti comunali: “Assicurati i servizi”

sabato 17 Ottobre 2020 - 00:00

L’ottava commissione consiliare ha fatto il punto sul lavoro agile prestato dai lavoratori dell’Ente durante i mesi di lockdown. Evidenziata anche la necessità di applicare i protocolli sanitari a Palazzo Zanca

MESSINA – Smart working dei dipendenti comunali e studio e approfondimento della bozza di regolamento del Consiglio comunale. Questi gli argomenti trattati durante la riunione dell’ottava commissione consiliare, avvenuta a palazzo Zanca nei giorni scorsi.

A conclusione dei lavori, cui hanno partecipato i rappresentanti delle sigle sindacali, presidente e componenti della commissione consiliare hanno diffuso una nota nella quale evidenziano che: “Nè i dati della presunta percentuale di lavoratori in smartworking durante il lockdown, né i dati relativi alla presenza fisica dei lavoratori durante le ferie estive sono corrispondenti a quanto effettivamente verificatosi. è stato rappresentato un quadro assolutamente non veritiero delle attività lavorative che sono state eseguite proprio durante la fase più dura del lockdown”.

“I lavoratori del Comune di Messina – aggiungono – che ha una dotazione organica di quasi il 50% in meno di quanto previsto dalle normative vigenti, hanno assicurato l’erogazione dei servizi alla cittadinanza con piena efficienza ed efficacia, nonostante lo smartworking e nonostante la difficoltà di presenziare fisicamente ai propri uffici a Palazzo Zanca”.

“A questa Commissione preme ribadire la necessità di procedere all’applicazione dei protocolli sanitari a tutela dei lavoratori comunali e della cittadinanza. Ad oggi, desta forte preoccupazione la condizione di sicurezza del Palazzo, che andrebbe rivista e rafforzata. In partiolar modo, vanno potenziate la diffusione e distribuzione delle mascherine monouso, gli strumenti di distanziamento e quelli di sanificazione: i lavoratori in presenza ma anche i cittadini devono essere messi nella condizione di massima sicurezza, cosa che ad oggi non appare evidente.

“È tempo – conclude il documento dell’VIII Commissione – di restituire la giusta dignità ai lavoratori e condizioni di serenità e collaborazione, uniche premesse per un funzionamento armonico della macchina comunale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684