Smartworking vantaggio competitivo per le aziende del Sud - QdS

Smartworking vantaggio competitivo per le aziende del Sud

redazione

Smartworking vantaggio competitivo per le aziende del Sud

martedì 04 Agosto 2020 - 00:00

PALERMO – L’emergenza sanitaria da Covid 19 ha sconvolto le vite e la quotidianità di aziende e famiglie, rinchiusi forzatamente in casa si è cercato di continuare una vita tra le mura domestiche che fosse il più possibile produttiva. Alcune aziende più di altre sono riuscite ad ottenere risultati molto performanti affidandosi esclusivamente al lavoro da remoto.

Le realtà produttive più reattive hanno approfittato di questo periodo per gestire clienti e risorse totalmente a distanza, hanno studiato e messo a punto nuove soluzioni per la condivisione del lavoro e cercato di ottenere il massimo in un momento di difficoltà e incertezza generale. Tra questa sicuramente avvantaggiate sono state le aziende del digitale, che per loro natura sono organizzazioni complesse ma agili, abituate al cambiamento e ad adattarsi alle continue novità del settore, sempre attentissime alle nuove opportunità offerte dalla tecnologia digitale.

Im*Media, digital agency tutta siciliana based in Palermo, è tra le aziende dell’isola che meglio ha reagito al difficile periodo di chiusura forzata, non solo in termini di performance produttiva (l’agenzia non ha rallentato un solo progetto) ma soprattutto in termini di consapevolezza rispetto a opportunità di business futuri.

“La nostra agenzia – spiega Pasquale Esposito Lavina, co-founder di Im*Media – lavora con clienti nazionali e locali con cui studiamo soluzioni specifiche e personalizzate che coprono i diversi aspetti del mondo digitale. Durante il lungo periodo della quarantena abbiamo potuto toccare con mano quanto alcune vecchie abitudini siano adesso completamente superflue. Mi riferisco soprattutto alla necessità di gestire e organizzare incontri fisici con i clienti, che per noi che lavoriamo a Palermo significa un notevole dispendio di energie per i nostri collaboratori, giorni di trasferta, maggiori costi e una generale diminuzione della produttività.”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684