Smi, Governo e Regioni condividano scelte medicina generale - QdS

Smi, Governo e Regioni condividano scelte medicina generale

web-dr

Smi, Governo e Regioni condividano scelte medicina generale

web-dr |
venerdì 10 Dicembre 2021 - 10:23

C’è una “stretta connessione tra la discussione dell’Accordo Collettivo Nazionale (Acn), che riteniamo anacronistico, i contenuti e le risorse previsti per la sanità dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e la proposta della Conferenza delle Regioni su Pnrr e medicina generale. Per queste ragioni auspichiamo una forte sinergia tra le proposte pubbliche che in campo”.

Lo afferma in una nota il Sindacato Medici Italiani (Smi), che oggi si riunisce in Consiglio Nazionale. Al centro del confronto, anzitutto, le iniziative sindacali affinché “il Governo intervenga per cambiare i contenuti dell’Acn” che è ancora in discussione presso la Sisac (Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati).

Per il Smi resta importante anche la discussione sulla Legge di Bilancio 2022, perché “le risorse dello Stato devono rafforzare nell’insieme il Servizio Sanitario Nazionale e il suo carattere pubblico”. Le risorse aggiuntive previste per il Fondo Sanitario Nazionale nella legge di Bilancio dovranno essere utilizzate, secondo il sindacato, “sia per colmare la carenza dei medici, sia a favore dei medici ospedalieri, sia dei medici convenzionati, che in questi anni sono stati molto penalizzati in termini di sicurezza sul lavoro e di retribuzioni”. C’è bisogno, inoltre, “di un intervento efficace per le retribuzioni dei medici della medicina generale che hanno gli stipendi più bassi in Europa”.

Il sindacato annuncia quindi di avere predisposto un emendamento alla Legge di Bilancio “a sostegno della medicina dei servizi, un settore a cui rivolgiamo da tempo le nostre attenzioni e che per le sue caratteristiche può trovare da subito miglioramenti da un intervento legislativo”. Lo Smi ribadisce l’impegno dei medici di medicina generale a tutela della salute dei cittadini sul territorio: “Siamo consapevoli di questa responsabilità; vorremmo che lo fossero anche le parti pubbliche”. (ANSA)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684