Spopolamento, ministro Provenzano s'impegna ad attivare tutte le strategie delle aree interne - QdS

Spopolamento, ministro Provenzano s’impegna ad attivare tutte le strategie delle aree interne

redazione

Spopolamento, ministro Provenzano s’impegna ad attivare tutte le strategie delle aree interne

mercoledì 15 Gennaio 2020 - 16:40

ROMA – “Contro lo spopolamento la strategia nazionale delle aree interne è diventata un punto di riferimento a livello europeo. Ad oggi sono attive 47 strategie delle 72 aree progetto individuate. A terra sono stati messi 700 milioni di investimenti. Entro il 2020 dobbiamo coprire tutte le aree progetto”.

Lo ha detto il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, durante il Question Time alla Camera.


“Grazie al raddoppio delle risorse nella legge di bilancio – sottolinea – vogliamo estendere ancora di più questa strategia, trasformarla in una politica che riguarda quasi la metà dei comuni italiani, circa il 60% del territorio”.

Secondo le ultime proiezioni dell’Istat, la Sicilia nel 2030 arriverebbe a perdere quasi 200 mila abitanti. A fronte di un lento spopolamento complessivo dell’Isola, che inizia a manifestarsi con costanza dal 2014 (5.092.080 gli abitanti) e prosegue ad inizio 2019 (con 4.999.891 abitanti), i borghi siciliani in poco meno di 70 anni (dal 1951 al 2019) hanno perso fino al 96% della popolazione originariamente residente nei centri storici.

Nei mesi scorsi 100 tra sindaci e amministratori di piccoli Comuni di tutte le province siciliane avevano scritto al neo Ministro per il Sud Giuseppe Provenzano per sollecitare l’attuazione della legge “Salva borghi”.

I 100 amministratori avevano posto l’accento sullo “spopolamento che stanno subendo tutte le piccole comunità”, contro il quale è necessario “un impegno costante con iniziative per lo sviluppo” mirate “al lavoro, ai giovani, all’ambiente e alla famiglia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684