Stm, Uilm, a 'rischio' 350 nuove assunzioni a Catania. L'azienda, le risorse ci sono - QdS

Stm, Uilm, a ‘rischio’ 350 nuove assunzioni a Catania. L’azienda, le risorse ci sono

redazione web

Stm, Uilm, a ‘rischio’ 350 nuove assunzioni a Catania. L’azienda, le risorse ci sono

sabato 21 Novembre 2020 - 08:02

“Il nuovo impianto catanese per la produzione di substrati di carburo di silicio per cui STMicroelectronics aveva acquistato dal Comune un terreno nella zona industriale della città è a rischio. I vertici della multinazionale hanno confermato il progetto strategico, ma hanno detto che potrebbe essere realizzato in altre nazioni, dove le agevolazioni per l’impresa, particolarmente quella hi-tech, sono decisamente superiori”. Lo afferma il segretario generale della Uilm di Catania, Giuseppe Caramanna.

“Rivolgiamo un appello a Stato e Regione – aggiunge il sindacalista- perché facciano di tutto affinché Catania non perda un’opportunità irripetibile. È in gioco la creazione di 350 posti di lavoro e una fetta del futuro di Etna Valley. Allo stato attuale il cantiere per la costruzione dell’impianto nel nostro territorio è fermo, ma la fabbricazione di substrati di carburo di silicio non può certo attendere. Questa produzione innovativa, sviluppata dalla ricerca St proprio nello stabilimento catanese, è decisiva per lo sviluppo della mobilità elettrica”.

Buffagni-Soriano-Saita, le risorse ci sono

“Vogliamo rassicurare i lavoratori dell’Etna Valley. Lo scorso novembre eravamo già stati alla Stm per incontrare i dipendenti e vogliamo confermare che il Governo ha una sola parola. Il Mise e il Mef hanno, infatti, già previsto le risorse necessarie per supportare il progetto su Catania dell’ampliamento del sito. Il Governo italiano è al fianco delle imprese che investono in Italia e, a maggior ragione in un momento di così grande difficoltà economica e sanitaria, non possiamo permetterci di mettere in secondo piano un’eccellenza del Sud del Paese”.

Lo dichiarano il viceministro allo Sviluppo Economico, Stefano Buffagni, e i parlamentari M5S, Simona Suriano ed Eugenio Saitta.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684