Street food, persi 200 milioni di euro, a rischio 25 mila operatori del settore - QdS

Street food, persi 200 milioni di euro, a rischio 25 mila operatori del settore

redazione

Street food, persi 200 milioni di euro, a rischio 25 mila operatori del settore

giovedì 30 Aprile 2020 - 00:00

ROMA – Bilancio amaro per lo street food in Italia che registra perdite di quasi 200 milioni di euro per l’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus e al periodo di lockdown per una crisi che interessa venticinquemila operatori e milioni di euro di merce invenduta, prossima alla scadenza.

A lanciare l’allarme e a rilasciare il dato economico è Alfredo Orofino, imprenditore ed organizzatore del Festival Internazionale dello Street Food previsto in 100 piazze italiane con oltre 600 operatori a rotazione. In una nota si spiega che Orofino, per superare la problematica, “ha mandato una richiesta alle istituzioni nazionali, regionali e comunali, per scongiurare la chiusura, domandando di istituire dei contributi a fondo perduto, per le aziende del settore, così da permettergli il momentaneo sostentamento per le spese correnti, l’azzeramento degli oneri fiscali per l’anno in corso e la semplificazione burocratica”.

Viene segnalato inoltre che è stato messo a punto un piano operativo ed organizzativo per permettere agli operatori di lavorare, rispettando tutte le misure di sicurezza per prevenire ulteriori danni. Il progetto, da inserire nella Fase 2, è l’“International Street Food Take Away”. L’iniziativa, da considerare come mercato temporaneo sul cibo di strada e non come evento, prevede una durata da 7 ai 10 giorni strutturata in una o più aree delle città, delimitata e ben definita con una partecipazione degli operatori tra sette e dieci unità (1 per tipologia di cucina). Garantite distanza sociale e dispositivi di protezione. La proposta prevede che l’accesso dovrà essere contingentato e non saranno posizionati tavoli e panche per non creare assembramenti. Commercio take away e a domicilio.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684