Sanità, "In Sicilia, troppe attese e personale non valorizzato” - QdS

Sanità, “In Sicilia, troppe attese e personale non valorizzato”

redazione

Sanità, “In Sicilia, troppe attese e personale non valorizzato”

venerdì 20 Novembre 2020 - 00:00
Sanità, “In Sicilia, troppe attese e personale non valorizzato”

La deputata alla Camera Simona Suriano (M5s) rivolge un appello al governo regionale. “La situazione è ormai diffusa e intollerabile, serve un'inversione di tendenza: le testimonianze che arrivano dall'Isola sono raggelanti”

ROMA – La deputata alla Camera del Movimento Cinque Stelle Simona Suriano è intervenuta per denunciare la situazione sanitaria di assoluta emergenza che si vive in Sicilia chiedendo un’inversione di tendenza al governo regionale.

“La pandemia sta colpendo tutta Italia – dice Suriano – ma la Sicilia deve dimostrare uno scatto d’orgoglio a livello di gestione politica e sanitaria della situazione. Le testimonianze che arrivano dall’isola sono raggelanti”. La deputata ha fatto riferimento alle testimonianze riportate da alcuni organi di stampa che raccontano di anziani “che chiamano per avere assistenza domiciliare ma che vengono abbandonati per giorni e giorni in attesa dei sanitari. Una situazione diffusa e intollerabile per migliaia di siciliani che, in isolamento, attendono di essere sottoposti ai test e di ricevere assistenza”.

“Chiedo al governo regionale siciliano – prosegue Suriano – di potenziare subito le Usca e di dimezzare le pesanti attese dei cittadini. Soltanto con la medicina territoriale possiamo fare fronte all’emergenza evitando di affollare i vari pronto soccorso e i reparti già allo stremo. Non possiamo inseguire l’emergenza: occorre domarla e gestirla. Inoltre il personale sanitario attendeva, dopo le parole, i fatti. Ancora non sono stati erogati i bonus da mille euro per i nostri medici, infermieri e operatori: bonus attesi da giugno come premialità per gli enormi sforzi fatti per l’emergenza Covid della prima ondata. Visto che i soldi ci sono e sono stati stanziati anche da questo Governo, faccio appello affinché la Regione Sicilia si attivi subito per premiare il nostro personale sanitario”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684