Tangenti: arrestato Fratus, sindaco leghista di Legnano - QdS

Tangenti: arrestato Fratus, sindaco leghista di Legnano

redazione

Tangenti: arrestato Fratus, sindaco leghista di Legnano

giovedì 16 Maggio 2019 - 13:40
Tangenti: arrestato Fratus, sindaco leghista di Legnano

Con due assessori. Nuova tegola per Salvini con l'azzeramento della Giunta della città-simbolo della Lega Nord. E Di Maio e Bonafede lo attaccano: "C'è un'emergenza corruzione"

Azzerata la giunta leghista di Legnano: ai domiciliari il sindaco Gianbattista Fratus e l’assessore alle opere pubbliche Chiara Lazzarini, in carcere l’assessore al bilancio e vicesindaco Maurizio Cozzi.

Gravissime le accuse della Procura che, dopo le indagini della Guardia di Finanza, parla tra l’altro di “scarsissimo senso della legalità” nell’ambito della giunta leghista: gli arrestati, ha detto la pm di Busto Arsizio Nadia Calcaterra, “non percepiscono assolutamente la gravità delle loro azioni, quasi fosse un modus operandi che, solo perché diffuso, è legalizzato. Così non è”.

I tre amministratori della Lega Nord sono indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale.

Commentando la notizia il vicepremier grillino, Luigi Di Maio, ha detto: “è chiaro ed evidente che c’è un’emergenza corruzione, una Tangentopoli bis, che colpisce tutti i partiti e noi dobbiamo arginare questi fenomeni”.

“Non commento mai le indagini in corso – ha aggiunto il ministro della Giustizia Bonafede – ho massimo rispetto per l’autonomia della magistratura che deve lavorare in pace ma rilevo che in Italia c’è una emergenza corruzione”.

La principale accusa al sindaco Fratus è quella di aver dato un incarico in una partecipata alla figlia di un candidato escluso al primo turno in cambio dell’appoggio elettorale al ballottaggio. La promessa è stata mantenuta con un incarico presso la Aemme Linea Ambiente s.r.l.

I magistrati parlano di “soggetti e amici e conoscenti, manovrabili e in futuro riconoscenti” attraverso “spregiudicate manipolazioni di procedure”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684