Taormina (Me), finanziata dalla Regione messa in sicurezza del torrente Sirina - QdS

Taormina (Me), finanziata dalla Regione messa in sicurezza del torrente Sirina

redazione

Taormina (Me), finanziata dalla Regione messa in sicurezza del torrente Sirina

lunedì 20 Gennaio 2020 - 16:41

TAORMINA (ME) – Per le sue caratteristiche idrogeologiche e geomorfologiche, ma soprattutto per il suo alto indice di urbanizzazione, il torrente Sirina è tra i più pericolosi dell’Isola. Lo rende noto la Presidenza della Regione siciliana, sottolineando in una nota che l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce, ne ha finanziato la progettazione esecutiva per la messa in sicurezza.
Una buona notizia, prosegue la nota, per tutta l’area del Messinese compresa tra Taormina e Giardini Naxos, che spesso ha dovuto fare i conti con gli ingenti danni causati negli anni dalle esondazioni del corso d’acqua. Ad aggiudicarsi la gara per le indagini geologiche e i servizi d’ingegneria il raggruppamento temporaneo di imprese coordinato dalla Eidos Consulting di Agrigento.
Il bacino idrografico del torrente Sirina si trova a sud dell’abitato di Taormina e sfocia nella baia, lungo la costa jonica. Per i tecnici la sua pericolosità è elevatissima a causa delle forti pendenze del tracciato, dei versanti che risultano privi di vegetazione e della mancata manutenzione straordinaria: il torrente in piena ha travolto automobili che si trovavano in prossimità del letto del fiume e danneggiato manufatti e infrastrutture. L’ultimo e più grave episodio risale al settembre 2015.

Oggi, finalmente, si legge nella nota, la previsione di opere di riqualificazione e di recupero ambientale del canale, in un contesto totalmente urbanizzato, con abitazioni, strade, una stazione ferroviaria e un ospedale, il San Vincenzo. Tra gli obiettivi previsti la sistemazione dei terreni adiacenti fortemente degradati per consentire un più efficiente controllo dei deflussi superficiali, la rimozione dei detriti e la pulitura della sezione idraulica. Gli interventi che verranno adottati, evidenzia la nota della Presidenza della Regione, consistono nella realizzazione di briglie a pettine e nella collocazione di barriere di protezione passiva. Si procederà inoltre a una progressiva riduzione della velocità di ruscellamento attraverso la creazione di aree di calma, utili a spezzare l’energia idrodinamica e a limitare il trasporto di materiali a valle, nel rispetto degli equilibri idrogeologici del bacino, conclude la nota.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684