Taormina, non versavano la tassa soggiorno, albergatori indagati - QdS

Taormina, non versavano la tassa soggiorno, albergatori indagati

redazione web

Taormina, non versavano la tassa soggiorno, albergatori indagati

venerdì 07 Agosto 2020 - 07:52

Per anni non hanno versato al Comune quanto incassato a titolo di tassa di soggiorno dai turisti che soggiornavano nei loro hotel. Un ammanco scoperto dai finanzieri del Comando Provinciale di Messina che hanno sequestrato circa mezzo milione di euro ai responsabili di 17 strutture alberghiere di Taormina (Messina).

L’operazione nasce da un’indagine dei militari della Compagnia di Taormina, coordinata dal Gruppo delle Fiamme Gialle di Messina, che ha portato all’emissione di un decreto di sequestro preventivo disposto dal gip, su richiesta della Procura della Città dello Stretto diretta da Maurizio de Lucia.

Le indagini hanno consentito di accertare che i legali rappresentanti di importanti hotel della Perla dello Jonio, che per la riscossione delle somme dovute per l’imposta di soggiorno del comune di Taormina rivestivano la qualità di incaricati di pubblico servizio, si sono appropriati, nel tempo, delle somme ricevute dai propri clienti.

L’attività investigativa nasce dall’analisi di dati ed elementi acquisiti dalle Fiamme Gialle nell’ambito di un censimento delle strutture ricettive del comprensorio di Taormina, Giardini Naxos e Letojanni.

Dalle indagini è emerso che gli albergatori finiti sotto la lente di ingrandimento della Finanza, violando una delibera del Consiglio Comunale del 2012 che ha approvato il Regolamento dell’imposta di soggiorno nelle strutture alberghiere del territorio, erano inadempienti nei confronti dell’ente.

Più in particolare, dall’analisi della documentazione acquisita è venuto fuori che avevano ricevuto diffide di pagamento a cui sono rimasti totalmente indifferenti. Tra il 2013 e il 2018 sarebbero stati sottratti alle casse comunali 468mila euro. Agli indagati è contestato il reato di peculato.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684