Termini Imerese, pietre contro ambulanza che trasportava paziente - QdS

Termini Imerese, pietre contro ambulanza che trasportava paziente

web-mp

Termini Imerese, pietre contro ambulanza che trasportava paziente

web-mp |
domenica 02 Maggio 2021 - 13:14

L'ambulanza del 118 era diretta con il paziente cardiopatico verso l'ospedale di Cefalù. Durante il passaggio a velocità sotto un cavalcavia è avvenuto il lancio di pietre e bottiglie

Un’ambulanza che trasportava un paziente colto da infarto è stata danneggiata dal lancio di rifiuti e da bottiglie in via Stesicoro a Termini Imerese.

L’ambulanza del 118 era diretta con il paziente cardiopatico verso l’ospedale di Cefalù.

Durante il passaggio a velocità sotto cavalcavia, come hanno raccontato i soccorritori ai carabinieri, un gruppo di ragazzi, ha lanciato bottiglie e pietre, rompendo il vetro anteriore, con le schegge finite dentro abitacolo in faccia all’autista, che ha dovuto frenare con grande rischio di per l’incolumità dell’equipaggio e del paziente.

I teppisti sono fuggiti a piedi, prima hanno forzato il pannello elettrico del sistema di illuminazione e mandato in tilt l’impianto.

Le indagini sono condotte dai carabinieri che sono già sulle tracce dei giovani che rischiano pesanti provvedimenti. Per trasportare il paziente è dovuta arrivate un’ambulanza da Caccamo.

“Invitiamo l’autorità giudiziaria a fare il possibile per trovare i delinquenti che hanno compiuto un gesto così grave”.Lo dice Fabio Genco, direttore del 118 di Palermo e Trapani.

“L’ambulanza procedeva con sirena in codice rosso. Il mezzo era nuovissimo e uscito dalla fabbrica 10 giorni fa.

L’ambulanza – aggiunge Genco – si è dovuta fermare e aspettare un altro mezzo di soccorso che arrivava da un centro vicino e provocando così un ritardo dei soccorsi. Oltre al parabrezza scheggiato è stato rotto il vetro lato autista.

Solo la prontezza di riflessi del soccorritore e il sangue freddo ha evitato il peggio”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684