Terremoto di Santo Stefano, Conte rimuova gli ostacoli alla ricostruzione - QdS

Terremoto di Santo Stefano, Conte rimuova gli ostacoli alla ricostruzione

redazione web

Terremoto di Santo Stefano, Conte rimuova gli ostacoli alla ricostruzione

lunedì 30 Dicembre 2019 - 17:35
Terremoto di Santo Stefano, Conte rimuova gli ostacoli alla ricostruzione

L'appello dell'arcivescovo e dei sindaci dei Comuni etnei colpiti dal sisma del 26 dicembre dello scorso anno rivolto anche al governatore Musumeci. "Predisporre un atto di indirizzo per affrontare la situazione in termini d'urgenza"

“Chiediamo il vostro diretto intervento affinché gli ostacoli che si frappongono alla ricostruzione vengano rimossi e che venga predisposto un atto di indirizzo a tutti gli uffici, dell’amministrazione centrale e locale, affinché gli atti riguardanti l’evento sismico vengano affrontati sempre più in termini d’urgenza così come la situazione richiede”.

E’ l’appello rivolto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Presidente della Regione Nello Musumeci dai rappresentanti dei Comuni colpiti dal terremoto del 26 dicembre del 2018 in un documento approvato al termine di una conferenza a Santa Venerina (Catania) indetta dalle diocesi di Catania e di Acireale.

A firmare il documento, insieme con i sindaci di otto Comuni, anche l’Arcivescovo di Catania monsignor Salvatore Gristina e il vicario generale monsignor Giovanni Mammino.

Nel documento i firmatari chiedono “attenzione per la condizione di terremotati, per i territori, per le problematiche ancora in attesa di una soluzione compiuta”.

“Chiediamo – conclude il documento – di accelerare al massimo un ricostruzione che, verosimilmente, potrebbe essere concentrata in pochi anni: ciò consentirebbe enormi risparmi, spostando l’allocazione delle risorse dalla spesa per garantire alle famiglie l’autonoma sistemazione, che cresce quanto più le famiglie rimangono fuori casa, agli investimenti per recuperare e migliorare gli immobili che sono stati resi inagibili”.

Ecco il testo completo del documento inviato dai sindaci al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Capo del Dipartimento nazionale di Protezione civile e al Presidente della Regione Siciliana

Noi cittadini dei comuni colpiti dal sisma del 26 dicembre 2018, con i nostri Sindaci, i nostri Consigli comunali, i nostri Vescovi, i nostri parroci, i comitati dei terremotati rappresentanti del volontariato e della società civile, riuniti in assemblea in Santa Venerina il giorno 30 dicembre 2019, chiediamo attenzione per la nostra condizione di terremotati, per i nostri territori, per le problematiche ancora in attesa di una soluzione compiuta. Un anno fa, il 26 dicembre 2018, il terremoto ha sconvolto ha turbato la gioia delle nostre comunità in festa rendendo inagibili case, strutture produttive, edifici pubblici, chiese; sbriciolando terrazzamenti e muri a pietra nelle nostre campagne, occludendo la viabilità che collega i nostri centri abitati adagiati sul versante orientale dell’Etna.

Come tutti i sismi etnei, anche questo ha colpito un’area sì circoscritta, ma fortemente antropizzata e vivace; com’è tipico, l’energia liberata è stata contenuta, ma l’accelerazione al suolo prodotta è stata straordinaria, e solo un patrimonio edilizio solido e periodicamente adeguato, una cultura costruttiva e della prevenzione radicate che con grande orgoglio rivendichiamo, hanno permesso di compromettere solo le nostre cose, ma non le nostre vite, e di avere scenari di danneggiamento anche severi, ma non di distruzione totale. Molti, nelle nostre comunità, vivono in grave precarietà abitativa, in alloggi sovente situati in luoghi lontane dalle dimore abituali, lontano dai propri affetti, dai loro luoghi di lavoro, di apprendimento, di culto, di socializzazione: ciò aggiunge un danno ulteriore a quelli materiali che consiste nello sfilacciamento di tanti rapporti interpersonali, nello sfaldamento di intere comunità, in ambito religioso e sociale, che non hanno più i luoghi fisici in cui riunirsi. Nell’emergenza, l’assistenza immediata dell’intera macchina di Protezione Civile è stata confortante ed apprezzata dalla popolazione, ma non tutte le misura previste sin dalla prima ordinanza del Capo Dipartimento nazionale trovano fluida applicazione o l’efficacia che si attendeva: così, da una parte, le famiglie arrancano per i ritardi con cui le risorse finanziarie per i contributi per l’autonoma sistemazione arrivano ai Comuni, dall’altra, le norme sovrappostesi sui contributi per i pronti ripristini fino a 25.000 euro non hanno facilitato l’auspicato largo accesso alla misura che avrebbe consentito invece di contenere il numero di pratiche successivamente gravanti sulla fase di ricostruzione.

Ora, pur rappresentando con forza la necessità di prorogare lo stato di emergenza al fine di dare piena applicazione a quanto programmato e soprattutto affinché i meccanismi di aiuto attualmente in atto non si blocchino, è necessario rendere operativa la fase della ricostruzione. È ora imprescindibile che il Commissario governativo per la ricostruzione sia messo in condizione di entrare in piena attività, con tutto ciò che comporta a partire da una o più sedi adeguatamente attrezzate e dalla disponibilità del personale necessario. È necessario che le somme stanziate con il D.L. n. 32 del 18 aprile 2019 per l’anno che si conclude vengano imputate alle annualità successive, in quanto la mancata spesa attiene proprio alla mancata operatività della struttura commissariale, ed è necessario altresì che tali coperture, definite dallo stesso decreto come “dotazioni iniziali” vengano via via implementate e modulate secondo le effettive necessità di un ricostruzione completa ed estesa anche agli edifici che non costituiscano residenza familiare o sede di attività economiche. Occorre che l’esenzione delle imposte per gli immobili inagibili e la sospensione dei tributi per i residenti tutti, sia uguale a quella attuata in altri territori per altri sismi, e preveda il trasferimento dei mancati introiti ai Comuni nello stesso periodo delle scadenze dei pagamenti non incassati: diversamente gli enti non reggono l’impatto finanziario e in taluni casi si sono trovati in grave affanno anche per il pagamento degli stipendi al personale dipendente.

Chiediamo di accelerare al massimo una ricostruzione che, verosimilmente, potrebbe essere concentrata in pochi anni: ciò consentirebbe enormi risparmi, spostando l’allocazione delle risorse dalla spesa per garantire alle famiglie l’autonoma sistemazione, che cresce quanto più le persone rimangono fuori casa, agli investimenti per recuperare e migliorare gli immobili che sono stati resi inagibili. Perché i nostri auspici possano essere realizzati, chiediamo il diretto intervento delle SS. LL. affinché gli ostacoli che si frappongono alla ricostruzione, cosi come sopra sommariamente descritti, vengano rimossi, eventualmente a seguito di una diretta interlocuzione con i Sindaci e con i Commissari, e che venga predisposto un atto di indirizzo a tutti gli Uffici, siano essi dell’amministrazione centrale, che locale, affinché gli atti afferenti l’evento sismico vengano affrontati sempre in termini di urgenza cosi come la situazione richiede. Santa Venerina, 30 dicembre 2019

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684