Tim, rush finale con il Governo sul progetto Rete unica - QdS

Tim, rush finale con il Governo sul progetto Rete unica

redazione

Tim, rush finale con il Governo sul progetto Rete unica

giovedì 06 Agosto 2020 - 00:00


All’Ad Gubitosi il mandato per trattare con Palazzo Chigi

Il Consiglio di amministrazione di Tim, riunitosi sotto la presidenza di Salvatore Rossi, ha approvato la relazione finanziaria del Gruppo al 30 giugno. Nel secondo trimestre la generazione di cassa e la riduzione dell’indebitamento finanziario netto hanno accelerato. Tale risultato è dovuto in parte al buon esito dell’operazione di valorizzazione della quota di Tim in Inwit, ma soprattutto alla gestione ordinaria che ha prodotto importanti flussi di cassa. Continua infatti la razionalizzazione del portafoglio prodotti e la politica di maggior disciplina nella gestione commerciale che, pur comportando una flessione dei ricavi nel breve termine, produce un incremento nella generazione di cassa e nella soddisfazione dei clienti.

Nel corso del semestre il Customer satisfaction index è migliorato del 3% nel mobile, 2% nel fisso e 1% nel Wholesale. Anche nel periodo di maggiore intensità dell’emergenza sanitaria, l’azie ha mantenuto una piena operatività e continuità nell’erogazione dei servizi, assicurando la tutela della salute dei propri dipendenti e investendo nell’incremento di capacità e copertura delle reti nazionali. I risultati finanziari risentono degli effetti della chiusura dei negozi sulle vendite di prodotti e del ridotto traffico roaming da e verso l’estero. A fronte di una flessione nel breve termine, nel mediolungo è previsto un effetto positivo sui conti del Gruppo, a seguito dell’accelerazione nell’adozione di servizi digitali. L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno si è ridotto di 1.697 milioni di euro da fine 2019, attestandosi a 25.971 milioni di euro (ovvero 21.095 milioni di euro su base after lease). L’equity free cash flow ha contribuito per 978 milioni di euro e la rimanente parte è attribuibile alla parziale monetizzazione della partecipazione in INWIT che ha più che bilanciato il pagamento di 316 milioni di euro di dividendi sulle azioni ordinarie e di risparmio di Tim S.p.A.

Significativi progressi sono stati registrati nell’implementazione delle iniziative strategiche. In particolare, per “Rete in fibra” Il Consiglio di Amministrazione ha preso atto con favore dei contenuti del progetto di separazione della rete secondaria (incluso l’80% detenuta da Tim in Flash Fiber) e della partnership con Kkr Infrastructure e Fastweb (FiberCop).

Il Consiglio di Amministrazione ha visto con grande favore l’accelerazione del progetto di Rete Unica e parteciperà con entusiasmo ai lavori che il Governo intende far partire a breve; in tal senso ha dato mandato all’Amministratore delegato ad interloquire con l’Autorità di Governo. Il Consiglio di Amministrazione si è riconvocato il 31 agosto per deliberare in modo conclusivo sul progetto FiberCop, eventualmente aggiornato alla luce dell’esito delle iniziative tra cui la valorizzazione torri mobili: finalizzato l’accordo con Ardian Infrastructure per l’acquisizione di una quota di minoranza nella holding che detiene la partecipazione di Tim in Inwit e che rimarrà sotto il pieno controllo di Tim. L’operazione si basa su una valorizzazione dell’azione Inwit pari a 9,47 euro e prevede un incasso di circa 1,6 miliardi di euro.

Inooltre, per quanto concerne la partnership per i servizi Cloud, la sinergia con Google Cloud è operativa e nel primo semestre sono stati acquisiti importanti clienti per l’offerta di servizi congiunti alle imprese italiane. Tim e Google Cloud hanno inoltre lanciato, in partnership con Banca Intesa Sanpaolo, una suite di servizi per offrire soluzioni tecnologiche avanzate per agevolare l’operatività delle piccole emedie imprese nel periodo di lockdown.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684