Traffico droga a Brancaccio, maxi sequestro beni per un 40enne - QdS

Traffico droga a Brancaccio, maxi sequestro beni per un 40enne

web-mp

Traffico droga a Brancaccio, maxi sequestro beni per un 40enne

web-mp |
giovedì 18 Marzo 2021 - 12:35

Nicolò Giustiniani è finito nelle indagini della squadra mobile di Palermo nelle operazioni "Maredolce 2" e "Sperone" del 2019.

La polizia ha dato esecuzione al provvedimento della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo con il quale sono stati sequestrati beni per 500 mila euro a Nicolò Giustiniani, 40 anni, accusato di gestire il traffico di stupefacenti nel quartiere “Brancaccio” a Palermo per conto di Cosa Nostra.

I sigilli sono scattati ad una villa a Ficarazzi e a rapporti bancari.

Nel corso delle indagini è stato rilevato come, sfruttando la propria posizione all’interno del sodalizio mafioso, Giustiniani abbia potuto accumulare ingenti risorse economiche derivanti dalla gestione della piazza di spaccio, successivamente reinvestite per l’acquisto di beni mobili ed immobili.

Traendo spunto da tali emergenze investigative, nel 2020, la locale Divisione Anticrimine ha condotto indagini patrimoniali nei confronti del predetto e del suo nucleo familiare convivente, che hanno consentito di accertare una sproporzione economica tra gli acquisti mobiliari ed immobiliari effettuati ed i redditi percepiti a conferma dell’utilizzo di risorse finanziarie di natura illecita.

In particolare, nel corso delle indagini si è rilevato come l’acquisto e la ristrutturazione della villa, oggetto di sequestro con l’odierno provvedimento, riconducibile al Giustiniani ma formalmente intestata ai genitori, risultassero incompatibili con i redditi dichiarati, la cui entità si è dimostrata addirittura insufficiente a garantire anche il solo sostentamento familiare.

L’odierno provvedimento assume, altresì, un’importante valenza poiché, grazie all’attività congiunta del Procuratore della Repubblica e del Questore di Palermo, entrambi titolari del potere di proposta dell’applicazione di misure di prevenzione, si mira a restituire alla comunità i beni illecitamente accumulati da “cosa nostra”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684